ESONDAZIONE DEL FIUME SARNO, IL SINDACO DI SARNO GIUSEPPE CANFORA CHIEDERA' LO STATO DI PUBBLICA CALAMITA'

letto 1735 volte
3-esondazionesarno.jpg

L'Amministrazione Comunale comunica che, dopo le numerose sollecitazioni, gli enti preposti hanno iniziato i lavori di riparazione della condotta di collegamento. Dopo numerosi sopralluoghi, era stato accertato che le esondazioni dei giorni precedenti, a partire dalla data del 7 maggio, erano dovute "ad una cospicua riduzione delle portate d'acqua captate, in quanto le stesse per via del guasto verificatosi alla condotta di collegamento, non potevano essere addotte alla centrale di Foce", ed "allo sversamento di una ulteriore portata nell'alveo del Rio Santa Marina, dallo scarico di troppo pieno del serbatoio, a servizio della centrale di captazione di Lavorate di Sarno; il troppo pieno del serbatoio era ascrivibile ad una gestione non automatizzata dello stesso".

Nessuna responsabilità poteva invece essere ascritta all'Ente Parco che, unitamente al Comune di Sarno, si è attivato per segnalare agli organi competenti la pericolosità e la criticità di tale situazione ed ha, con diverse comunicazioni, autorizzato il taglio d'erba ed i lavori di manutenzione ordinaria.

Nelle more, purtroppo, questa mattina, si è avuta una ulteriore esondazione. Come promesso, l'Amministrazione Comunale si attiverà per affiancare i contadini in eventuali azioni legali fin d'ora, chiedendo la dichiarazione dello stato di pubblica calamità.