C/MARE DI STABIA (NA), SUCCESSO DELLA MANIFESTAZIONE "A DIFESA DEL SARNO"

Grande successo di partecipazione anche a Scafati
letto 3160 volte
1-22688903-1990944547848669-420685396261846757-n.jpg
Sono 23 i comuni che gravitano sul fiume Sarno: Angri, Bracigliano, Castellammare di Stabia, Castel San Giorgio, Cava de’ Tirreni, Mercato San Severino, Montoro, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Poggiomarino, Pompei, Raccapiemonte, San Giuseppe Vesuviano, San Marzano del Sarno, San Valentino Torio, Sarno, Scafati, Solofra, Sorrento, Striano e Torre Annunziata tra Napoletano, Salernitano e Avellinese. Tutti hanno organizzato marce e manifestazioni per un fiume Sarno vivibile e a misura d'uomo. 

Il fiume Sarno, con i suoi affluenti Solofrana e Cavaiola è diventato ormai un fiume ad alto rischio ambientale. Se si facesse una correlazione tra inquinamento e tumori, i dati sicuramente farebbero rabbrividire. Per questo la gente e la rete dei comuni coinvolti chiede che la Regione e il Consorzio di Bonifica assicurino loro un futuro privo di malattie e la presenza di un corso d'acqua non inquinato. 

Abbiamo seguito la manifestazione di Castellammare-Torre Annunziata, ed ecco cosa ha dichiarato un rappresentante del Comitato di questa parte finale del fiume Sarno:

 
"Ringraziamo tutti i cittadini, le mamme, i bambini e i ragazzi, che hanno preso parte alla manifestazione “A difesa del Sarno”, dimostrando grande sensibilità verso un problema fortemente sentito e certamente noto alle Istituzioni. La speranza è che oggi sia arrivato un forte segnale ai governi regionali e nazionali, da sempre poco attenti a questa annosa problematica. Senza polemica, ma con rammarico, abbiamo registrato l’assenza del primo cittadino di Castellammare di Stabia, Antonio Pannullo, dell’intera giunta e dei consiglieri comunali di maggioranza. Questo disagio coinvolge l’intera città e non solo una parte della stessa. Ci aspettavamo, infatti, la partecipazione, quantomeno, dei consiglieri comunali che vivono nelle periferie, che sono investiti direttamente dalla problematica. Unici presenti, ai quali va il nostro diretto ringraziamento, i consiglieri Gaetano Cimmino, Vincenzo Ungaro, Mara Murino e Vincenzo Amato, che hanno dimostrato la sensibilità rispetto a un problema che attanaglia non solo Castellammare ma anche i comuni limitrofi. Infatti erano presenti diversi amministratori del comune di Torre Annunziata, tra i quali l’assessore all’ambiente. Un ringraziamento va anche alle forze dell’ordine, che hanno saputo gestire con diligenza una manifestazione fortemente partecipata. Quello di oggi rappresenta soltanto l’inizio di una lunga serie di ulteriori eventi a contrasto del problema dell’inquinamento del Sarno. La nostra intenzione è infatti quella di portare a Roma la nostra problematica, con una grande manifestazione di tutti i comuni che subiscono gli effetti del fiume più inquinato d’Europa".