Boscoreale: RIFIUTI: ADOTTATI I PRIMI PROVVEDIMENTI

È terminata da poco la prima riunione dell’unità di crisi, che si è insediata per affrontare e gestire le problematiche connesse all’emergenza rifiuti . 
letto 1567 volte
L’unità di crisi, composta di tecnici comunali, sanitari dell’ASL NA5 e forze dell’ordine presenti sul territorio (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia Forestale e Polizia Locale), avviando una fase di studio, ha valutato l’opportunità di individuare idonee aree,lontane dal centro abitato, ove poter collocare un sito di trasferenza che consentirebbe di alleviare la gravissima emergenza in cui il paese è precipitato. Esaurita la fase di studio per la realizzazione di un sito di trasferenza, l’unità di crisi, pur nella... consapevolezza che il problema è di portata regionale e che quindi per la maggior parte esula da quelle che sono le competenze e le specifiche responsabilità dell’Ente Locale, è passata all’azione dando priorità ad una serie di provvedimenti che saranno realizzati a strettissimo giro: sistemazione di cassoni (i così detto scarrabili) di ultima generazione, ermeticamente chiusi e dotati di tutti i sistemi di sicurezza e d’igienicità, in diverse zone del centro cittadino per consentire l’eliminazione dei rifiuti dalla sede stradale; predisposizione immediata di un’isola ecologica, per la raccolta di rifiuti differenziati, nell’ex campo containers di Via Gesuiti, e contestuale studio per l’individuazione di un’altra area per collocarne una seconda; sistemazione, in vari punti del territorio, di cassoni per la specifica raccolta d’indumenti usati; fornitura a tutte le scuole di contenitori eco box per la raccolta di carta, plastica e lattine; immediata attivazione della raccolta di cartoni presso le utenze commerciali. A riguardo nelle prossime ore sarà adottata ordinanza per disciplinare dettagliatamente il servizio. Le forze di polizia, intanto, intensificheranno il controllo del territorio per reprimere il diffuso fenomeno dello sversamento selvaggio di rifiuti, sovente anche speciali, sulla sede stradale. Oggetto d’esame dell’unità di crisi è stato anche la problematica della raccolta, affidata a ditta il cui contratto è in proroga da oltre tre anni, che non prevede uno specifico servizio di raccolta differenziata. Permane, nel frattempo, la difficoltà di sversamento quotidiano delle trentaquattro tonnellate autorizzate in via ordinaria presso il C.d.R. di Casalduni che ormai da sei giorni non riceve più rifiuti. Unica nota positiva è che stamani è stato autorizzato e realizzato uno sversamento straordinario di venti tonnellate presso la “Pomigliano ambiente”, mentre domattina è previsto un nuovo intervento straordinario dell’Esercito per la rimozione di altre trenta tonnellate. La drammatica situazione in cui versa il territorio di Boscoreale è anche oggetto di attenzione da parte di tutti i mass-media nazionali, tant’è che è attesa per domani una troupe della RAI per un servizio nell’ambito della nota trasmissione “Ambiente Italia”.