Scafati: INCENDIO ALLA SEA DI VIA TORINO

Fumo denso e traffico congestionato
letto 3583 volte
incendiosea(2).jpg
Ancora fiamme a Scafati. Questa volta, l’incendio è divampato presso la S.E.A. (Servizi Ecologici Ambientali), centro di raccolta di materiali plastici e cartacei di via Torino. Il fumo nero, è iniziato ad innalzarsi intorno alle 11,00 del mattino, quando, i residenti della zona hanno allertato i vigili del fuoco e i carabinieri della locale...

tenenza. Sul posto, infatti, sono accorsi i vigili del fuoco del distaccamento di Nocera Inferiore che hanno provveduto a sedare le fiamme. Al loro arrivo, i materiali ammassati all’esterno dell’azienda che funge da centro per la raccolta differenziata, erano avvolti da un denso fumo nero, un odore acre di bruciato e fiamme sprigionate da chissà quale strana combinazione di materiali. I vigili del fuoco, infatti, hanno ipotizzato una matrice accidentale del rogo, provocato probabilmente dallo scarico di materiali incendiabili. Sembrerebbero, pertanto, meno probabili, cause dolose. L’incendio, che per diverse ore ha avviluppato l’intera distesa di carta e plastica depositata dinnanzi all’industria di Mauro Scarlato, fratello del presidente della Scafatese calcio, per diverse ore, ha provocato, non pochi disagi al traffico cittadino che da via Torino si riversa su un’arteria principale di Scafati, rallentandolo e in certi casi congestionandolo a causa dell’arrivo dei camion dei vigili del fuoco, uno dopo l’altro giunti sul posto per spegnere il rogo. Altri disagi lamentati dai residenti del posto o dalle strade adiacenti, la cappa di fumo nero provocata dalla combustione dei materiali plastici e l’aria irrespirabile nel tratto di strada in questione. L’incendio di questa mattina, non è altro che l’ennesimo di queste ultime settimane, continuamente caratterizzate dall’andirivieni dei vigili del fuoco, accorsi solo pochi giorni fa all’industria “Viscardi” di S.Pietro. Anche in quel caso, la matrice accidentale sembra aver provocato la scintilla che da lì a poco si sarebbe trasformata in un rogo. Francesca Cutino