WHIRLPOOL. A. CESARO (FI): CRISI NAPOLI E’ PUNTA ICEBERG, DE LUCA SI FACCIA RESTITUIRE LE RISORSE TAGLIATE AL PATTO PER LA CAMPANIA

letto 79 volte
130-armando-cesaro-01.jpg

La vertenza Whirlpool è solo la punta dell’iceberg di una crisi industriale che investe l’intera regione. Per questo bisogna chiedersi prima di tutto perché gli imprenditori vengono qui ma poi chiudono o delocalizzano. Il tema di fondo è la credibilità delle istituzioni nazionali e locali”. Così il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro nel corso del suo intervento nell’aula del Consiglio regionale convocata in seduta straordinaria sulla vertenza dello stabilimento napoletano della Whirlpool.

Sulla credibilità delle istituzioni nazionali Cesaro è tornato a puntare l’indice sull'ex ministro del Lavoro Luigi Di Maio per aver “preso per i fondelli le famiglie dei lavoratori dello stabilimento di Napoli: non solo perché sapeva già da aprile scorso quali fossero le reali intenzioni dell'azienda, ma ha taciuto per motivi elettorali, ma anche per aver cancellato ben due miliardi dalle risorse del Patto per la Campania".

Di qui il richiamo al governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca: “si faccia rispettare, si faccia restituire subito i 500 milioni di fondi per le Zes compresi nei due miliardi che Di Maio ha cancellato con un tratto di penna”.