TOMBOLIAMO 2019, GRANDE PRESENZA E SPIRITO DI APPARTENENZA PER L'EVENTO ORGANIZZATO DA CONFESERCENTI SCAFATI

letto 299 volte
tomboliamo.jpg

La prima edizione di “TomboliAMO”, organizzata dalla sezione di Scafati di Confesercenti, ha riscosso grande entusiasmo tra le centinaia di persone che, domenica pomeriggio, hanno raggiunto il centro sportivo Gymnasium, dove si è svolto l’evento. Una grande tombolata di beneficenza il cui ricavato è stato interamente devoluto alla Onlus Trame Africane. A presentare la manifestazione il giornalista Biagio Adinolfi, che ha affiancato il grande comico Tommaso Romano il quale ha “chiamato”, a modo suo, i numeri della tombola. Non è mancato l’intrattenimento, con uno spettacolo di magia di Mago Russell, tra i migliori artisti in Europa. E poi tantissimi premi, circa trenta, offerti dai commercianti che hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione, e che sono stati attribuiti nei tre giri di tombola previsti, e nella grande estrazione finale a cui hanno partecipato tutti i presenti.

Vista la grande partecipazione, la Confesercenti Scafati ringrazia di cuore tutti i commercianti che hanno contribuito al successo della manifestazione “TomboliAMO 2019”, in particolare il main sponsor Metan Sud Gas e Luce, ed altresì tutti gli scafatesi che con la loro numerosa presenza hanno partecipato all’iniziativa. Una menzione particolare all’amico imprenditore Pasquale Coppola che, con la sua struttura “Trame Africane”, ha nobilitato l’evento. Ringraziamento, inoltre, all’amministrazione comunale che, con la presenza del Sindaco Cristoforo Salvati e di altri amministratori, ha condiviso questo momento di forte aggregazione.

Molto soddisfatto il Presidente di Confesercenti Scafati, Giovanni Gallo, che ha così commentato: “TomboliAMO 2019, è stata la nostra prima uscita dopo la costituzione del direttivo di poche settimane fa. Un’iniziativa nata per presentarci alla città e per far riscoprire il senso di appartenenza di cui la nostra comunità ha bisogno e che, vista la partecipazione, è senza dubbio ancora vivo tra gli scafatesi”.