SCAFATI, AVVISI TRIBUTI, ENNESIMA BEFFA PER I CITTADINI

Michele Grimaldi, capogruppo democratici e progressisti .
letto 111 volte
46-grimaldi3.jpg
In questi giorni, ad un numero sempre crescente di cittadini, stanno giungendo avvisi di pagamento relativi a tributi del 2015.
 
Avvisi spesso errati o impropri, o che riguardano tasse già pagate.
 
Al tempo stesso, i cittadini non riescono a comunicare con gli Uffici del Comune.
 
Tra l'altro, in un posto civile, esisterebbe un Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP), ma a Scafati purtroppo non ce n'è traccia.
In ogni caso, oggi come opposizioni consiliari abbiamo sollevato la vicenda nella Commissione Bilancio, chiedendo nell'immediato tre cose: una comunicazione rapida dell'Ente alla cittadinanza per rassicurare tutti - soprattutto in un periodo come questo - che si tratta di un errore degli Uffici che verrà al più presto corretto; una revisione celere del processo di emissione delle cartelle, che rischia di trasformarsi in un nuovo caso di "cartelle pazze", con il carico di nuove legittime centinaia di cause contro l'Ente; e di predisporre al più presto un ufficio preposto, aperto al pubblico, per ricevere, ascoltare ed assistere tutti coloro che hanno ricevuto avviso errati o impropri.
 
Ovviamente, questa situazione, questo ennesimo disservizio, nasce dalla volontà politica della Giunta Salvati di svuotare progressivamente il personale dell'Ufficio Tributi, che oggi lavora in pesante e ingiustificato sotto-organico. È evidente che la volontà di questa amministrazione, volontà celata nemmeno tanto bene, è quella di svuotare la funzionalità di quel servizio, per poi procedere ad esternalizzarlo o privatizzarlo.
 
Il tutto, come al solito, a scapito e a spese dei cittadini.
 
P.S.: pensare che solo qualche giorno fa l'Assessore all'innovazione annunciava le magnifiche sorti progressive di un Comune digitalizzato e la possibilità di ricevere certificati online. Tutto bellissimo, ma nel frattempo ci accontenteremmo se cominciassero ad assumere nuovo personale e, soprattutto, con gli uffici chiusi, almeno a rispondere al telefono alle chiamate dei cittadini.