SCAFATI, CONTRIBUTI TARI PER LE UTENZE DOMESTICHE, VIA ALLE DOMANDE

Sono stati aperti i termini per la presentazione delle richieste di un contributo sul pagamento della TARI per le utenze domestiche, nell’ambito delle misure urgenti di sostegno alle famiglie connesse all’emergenza Covid, ai sensi dell’art. 6 del Decreto legislativo 73/2021 (Sostegni bis)
letto 54 volte
42-municipio.jpg

Dando seguito a quanto deliberato dalla Giunta comunale con atto n. 97 del 13.10.2021, con il quale è stato definito un fondo di 400.000 euro per la concessione di contributi per il pagamento della TARI 2021 a favore delle utenze domestiche, è stato pubblicato all’albo pretorio e sul sito web dell’Ente l’avviso (con relativo modello di domanda) per il riconoscimento del beneficio ai nuclei familiari aventi diritto, nell’ambito delle misure urgenti di sostegno alle famiglie connesse all’emergenza Covid, ai sensi dell’art. 6 del Decreto legislativo 73/2021 (Sostegni bis). 

Possono presentare richiesta tutti i soggetti titolari di utenza domestica ai fini TARI presso il Comune di Scafati, per l’anno 2021, che attestino un valore ISEE (indicatore situazione economica equivalente) pari o inferiore a 12.000 euro. 

L’istanza dovrà essere presentata entro e non oltre il giorno 15 dicembre 2021, utilizzando l’apposito modulo allegato al bando, con una delle seguenti modalità:

- tramite posta elettronica certificata: protocollo.scafati@asmepec.it;

- a mano, presso l’Ufficio Protocollo dell’Ente. 

            “Un ulteriore concreto supporto – ha dichiarato il Sindaco Cristoforo Salvati -  che abbiamo voluto garantire alle famiglie scafatesi che stanno vivendo un momento di difficoltà  per gli effetti dell’emergenza sanitaria in corso. Con lo stanziamento di ben 400mila euro, deliberato dalla mia Giunta, nell’ambito delle risorse assegnate al Comune di Scafatiper finanziare le misure di sostegno alle famiglie connesse all’emergenza Covid ,ai sensi del decreto Sostegni bis, per l’annualità 2021, intendiamo far sì che il maggior numero di richiedenti possa accedere al beneficio. Eventuali economie, derivanti da incapienza di parte degli aventi diritto, sarà redistribuita, in pari misura, tra i restanti soggetti destinatari del contributo”.