NOI DOCENTI ABILITATI E SPECIALIZZATI RICHIEDIAMO DI NON SOSTENERE LE PROTESTE E RICHIESTE CHE PROVENGONO DAL CDS PERCHE’ NON RAPPRESENTANO TUTTI I DOCENTI!

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
letto 48 volte
6-oip.jpeg
In riferimento al vostro articolo pubblicato con la dicitura "Comitato che rappresenta le istanze di migliaia di docenti specializzati sulle attività di Sostegno", vogliamo intanto precisare che le richieste che vengono poste non rispecchiano affatto migliaia di docenti, ma solo una parte.
 
Rispetto all’aggiornamento delle GPS e alla richiesta di modifica della tabella di valutazione dei titoli noi Docenti ABILITATI E SPECIALIZZATI SUL SOSTEGNO ci troviamo nella posizione di dover difendere con evidenza la formazione che abbiamo svolto da diversi mesi con orari sovraumani e un impegno di studio non indifferente. 
 
Quindi ci dissociamo completamente dalle richieste fatte nell'articolo pubblicato. 
 
La gran parte di noi ha fatto sacrifici in termini di tempo tolto alla famiglia, in termini economici e soprattutto di studio sostenendo ben due prove concorsuali nel pieno degli impegni della chiusura scolastica e avendo fatto un percorso abilitante che altri non hanno sostenuto, per cui E’ LECITO CHE TALE PUNTEGGIO SIA RICONOSCIUTO.
 
L’articolo cita: “Tale revisione dei punteggi e della tabella dei titoli” è cruciale per preservare la continuità didattica e la qualità dell'insegnamento destinato agli alunni con disabilità.
 
Tuttavia, tutti coloro che hanno sostenuti questi percorsi abilitanti che si inseriranno in prima fascia sostegno e SONO DOCENTI SPECIALIZZATI SUL SOSTEGNO!  Per cui, la continuità didattica non viene minimamente toccata e nessuna graduatoria viene stravolta!
 
Partendo dalla premessa che la professione del Docente (disciplinare o di sostegno) necessita di costante formazione e aggiornamento, abbiamo scelto consapevolmente di partecipare ai bandi di concorso emanati dalle diverse Università italiane a seguito del DPCM citato in oggetto. Comprendiamo la difficoltà di coloro che questa opportunità non l’hanno POTUTA (siamo a conoscenza che alcune classi di concorso non sono state attivate a causa, purtroppo, di scarso fabbisogno regionale) o VOLUTA cogliere (probabilmente per la scarsa informazione, per l’impegno oneroso richiesto sia dal punto di vista economico che di studio).
 
TUTTAVIA COME OGNI ORDINANZA EMANATA NEGLI ANNI PASSATI, l’abilitazione su materia ha sempre garantito un punteggio aggiuntivo in tutte le classi di concorso previste per ogni candidato, inclusa la classe di concorso sul sostegno. È possibile infatti fare riferimento alle due precedenti ordinanze degli anni precedenti (O.M. 60/2020 e O.M. 112/2022).
 
Diversamente da quanto le voci di corridoio sostengono in questi giorni, era già chiaro, nei mesi precedenti all’apertura del bando, che sarebbe stato possibile ottenere un punteggio aggiuntivo a seguito del conseguimento dell’abilitazione su materia e sul web si rimanda ad alcuni esempi a titolo esemplificativo e non esaustivo.
 
È previsto un ulteriore punteggio sulle altre classi di concorso in quando la formazione che stiamo ricevendo dal sistema universitario, riveste delle aree trasversali che riguardano la globalità della professione docente e non una preparazione settoriale sulla disciplina specifica e curricolare. Sono previsti infatti corsi sulla valutazione per la costruzione pratica di griglie e strumenti necessari nella didattica, sulla progettazione didattica, sulle prassi inclusive e innovative e tanto altro. Questo non rappresenta una novità ma una caratteristica specifica dei percorsi di abilitazione. 
 
Inoltre, riteniamo fondamentale dissociarci dalle illazioni che stanno emergendo in questi giorni rispetto alla serietà dei corsi che stiamo svolgendo in quanto abbiamo potuto constatare personalmente l’impegno con cui le Università li stanno erogando. 
 
I ricorsi, le richieste di sospensione dei punti e tutte le altre mobilitazioni, NON HANNO SENSO E NON LO POSSIAMO ACCETTARE! 
 
Quale sarebbe poi il rispetto per chi si è formato, ha fatto sacrifici, si è iscritto e ha sostenuto delle prove nel bel mezzo della chiusura scolastica e degli impegni personali/familiari, sostenendo anche le spese di viaggio. 
 
Cordiali Saluti
 
I docenti ABILITATI E SPECIALIZZATI SUL SOSTEGNO