Poggiomarino: SI CELEBRA LA 'POESIA' A POGGIOMARINO

Belle e toccanti le poesie vincitrici al 19° concorso nazionale di poesia “Città di Poggiomarino” organizzato dai lions del club Pompei Host e dalla Pro Loco di Poggiomarino
letto 1929 volte
hpim1096.jpg
Ancora una volta il Club lions di Pompei Host e la pro Loco di Poggiomarino, con il contributo del Comune di Poggiomarino, hanno premiato i vincitori delle più belle poesie composte da 2491 poeti in erba provenienti dalle scuole di ogni ordine e grado dell’intera penisola, che hanno inviato ben 3494 componimenti....

...poetici. Il concorso è al 19esimo anno e non invecchia mai, anzi, ringiovanisce assieme ai giovani virgulti. E’ stato patrocinato dal Ministro della P.I. e della Ricerca Scientifica, nonché dalla Regione Campania e dall’Amministrazione Provinciale di Napoli, dal C.S.A. di Napoli e dal MIUR Campania. L’abile regista, da 19 anni è il Lions-Preside in pensione del Liceo Classico di Sarno, prof. Francesco D’Avino. Il vero motore della manifestazione, colui che dalla nascita del Premio ha dato l’anima per organizzare un vero e proprio evento culturale, che ha catalizzato a Poggiomarino un numero impressionante di scuole e di giovani poeti. In queste poesie giovani di tutta Italia hanno estrinsecato le proprie passioni e i propri sentimenti, la loro sana rabbia, la loro rassegnazione e la speranza. Quello che più meraviglia è che, in questa società così frenetica, così devota all’immagine, priva ormai di alcuni valori fondamentali, ci sia ancora qualcuno, e direi migliaia e migliaia di giovani, che scrivano di poesia. Questi giovani vedono la poesia come una forma di comunicazione con la quale manifestano agli altri momenti di vita vissuti, emozioni provate. Attraverso il linguaggio poetico imparano a poco a poco a conoscere come sono fatti "dentro" e questo serve loro per acquisire sicurezza, fiducia in se stessi e per costruire la loro identità. Con la poesia imparano a leggere la propria mente, ad ascoltare la voce del proprio io interiore, a percepire le loro emozioni e sensazioni, a sognare, ad essere "grandi" pur amando le piccole cose. "Fare poesia" è guardare la realtà con occhio diverso, con sensibilità e profondità di sentimenti, è esprimere ciò che loro provano con un linguaggio particolare. Con il linguaggio poetico imparano ad usare la fantasia con la quale possono modificare la realtà a loro piacere. Con la poesia imparano a creare qualcosa di bello e imparano ad apprezzare quello che di bello gli altri propongono loro. Per cui è stato difficile il lavoro dei componenti della giuria, composta da numerosi personaggi di spicco, tra cui il Governatore del Distretto 108YA, dott. Aldo D’Andrea, il Presidente della Pro Loco Renato Palmieri, il Presidente del Club Pompei Host, Cav. Uff. Renato Ciardi, un fine dicitore della poesia napoletana, nonché stilista famoso, Il Preside Francesco D’Avino, la sig.ra Giovanna Amendola, dirigente INPS e consorte del Presidente della VI Circoscrizione Vittorio Verone, e da Dirigenti scolastici, critici d’arte e dall’infaticabile segretario del premio, Pino Colao. Dopo i discorsi di saluto, del Preside D’avino, regista della manifestazione, del Sindaco di Poggiomarino, dott. Vincenzo Vastola, del Presidente della Pro Loco, del Presidente del Club lions Pompei Host e del Governatore del Distretto 108Ya, dott. Aldo D’Andrea, la giuria, dopo numerose riunioni, ha individuato i vincitori per categorie scolastiche, e i segnalati speciali del Premio, che sono stati premiati nella cerimonia solenne presso la Scuola Media Falcone di Poggiomarino, alla presenza di un folto pubblico composto da genitori, docenti, lions, politici e autorità militari e religiose. Per la Scuola Elementare ha vinto un libretto di risparmio di euro 260 e una targa personalizzata, Franciosi Cecilia, della Scuola Elementare “La primavera” di Serravalle R.S.M., classe V B, con la poesia “Nebbia nel parco”. Insieme a lei 5 segnalati che non hanno vinto, ma hanno colpito i giurati. Per la Scuola Media Inferiore ha vinto il I° premio di euro 360 e la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica, Stuppia Noemi, della Scuola media “G.Garibaldi” di Vibo Valentia, classe II E., con la poesia “Con occhi diversi” con lei altri 5 segnalati di varie scuole d’Italia. Per la Scuola Media Superiore, ha vinto il I° premio di euro 510 e la medaglia d’argento del Presidente della Repubblica, Sorrenti Lacrima, del Liceo Ginnasio “La Farina” di Messina, classe I D, con la poesia “Pagliaccio”, con lei altri 5 segnalati di ogni scuola d’Italia. Tra le scuole premiate per il maggior numero di poesie inviate, c’era l’IPSIA Pacinotti di Pistoia. Tutte le poesie vincitrici sono state recitate da giovani del Liceo Classico di Sarno. Per ogni premiazione un intermezzo di musica lirica che ha reso l’atomosfera più interessante e coinvolgente. Prisco Cutino