L'EREDE DI DE CHIRICO IN MOSTRA A SCAFATI

La personale verrà inaugurata sabato 20 febbraio alle ore 18.30, e la mostra proseguirà fino al 30 marzo
letto 2069 volte
18foto_quadro.jpg

Continua l?avventura con l?arte contemporanea attraverso la Galleria Barbato di Scafati. Un viaggio emozionante che raccoglie sempre nuovi appassionati e che questa volta ha come protagonista il Maestro Nunziante. Moltissimi sono gli estimatori e i collezionisti dell?artista. Potremmo dire che Antonio Nunziante è tra gli artisti italiani contemporanei più amati. Le televendite dei suoi dipinti, infatti, sono un vero e proprio successo che incolla alla tv persone da tutto il mondo. Il Maestro Antonio Nunziante, nato a Napoli ma cresciuto a Torino, figlio di artigiano, è tra gli esponenti più interessanti della Metafisica, non per forza dechirichiana, anche se Vittorio Sgarbi lo ha definito l?erede naturale di De Chirico. Il 20 febbraio alle ore 18.30 verranno presentate al pubblico oltre 20 opere di varie dimensioni dell?artista negli spazi espositivi della Galleria Barbato di Scafati. Nunziante non solo presenzierà l?inaugurazione, sarà anche a disposizione dei giornalisti nella conferenza stampa di sabato mattina.Tra gli obiettivi della Galleria Arte Barbato c?è quello di indagare non solo l?artista, ma anche l?uomo con la sua fede e la sua coerenza. Un progetto sicuramente ambizioso ma che riesce a coinvolgere il pubblico. Anche questa personale si inserisce nel quadro del Progetto Arte Barbato, come la presentazione in passato di Lodola, Alinari, Nespolo e Faccincani.?La Galleria in quanto strumento di indagine sul territorio percepisce questo desiderio di ritorno all?ordine, che Nunziante riesce a rendere tangibile. Dai sui quadri, ? ci spiega il direttore Franco Barbato- traspare tale profondità. Nunziante ha mantenuto un legame con l?arte figurativa e con la classicità, e ha portato avanti la linea figurativa nel tempo con coerenza confrontandosi con i grandi del passato?. A seguito dell'importante arrivo in Italia, alla mostra dedicata ai pittori del seicento e dell?impressionismo a Rimini, di un importantissimo quadro del Caravaggio, l'Estasi di San Francesco, il prossimo dicembre, Nunziante dedicherà alcune sue opere al capolavoro di Caravaggio per catturarne lo spirito e il sentimento, la forza e la spiritualità. Un ulteriore riconoscimento del valore dell?Arte di Nunziante a conferma del momento positivo che sta vivendo la sua Arte, all?interno della mostra ?È quindi un onore poter esporre le opere del maestro Nunziante anche a Scafati ?ammette Barbato- e spero che questo evento culturale possa coinvolgere un pubblico sempre più vasto che verrà sicuramente sorpreso ed incantato dalle atmosfere romantiche e suggestive di oggetti e ambienti comuni?.

Cenni bibliografici

Antonio Nunziante è nato a Napoli nel 1956, ma cresce a Torino dove si trasferisce alla tenera età di 5 anni. Il padre aveva un atelier di cornici, e fin da piccolo, Antonio entra in contatto con i principali artisti torinesi e piemontesi, uno dei quali gli dona la prima scatola di colori ad Olio. Aveva 9 anni quando riceve i colori e lì inizia la sua avventura pittorica. Il piccolo mostra da subito grandi doti vincendo a 14 anni il suo primo Concorso Nazionale. Nel 1975, dopo il conseguimento della maturità artistica ad Asti, s' iscrive all?Accademia di Belle Arti. Viaggi in Francia, Spagna e Inghilterra arricchiscono l?esperienza, portandolo a contatto con l?opera di grandi maestri. De Chirico su tutti, un riferimento costante, e del grande artista apprezza sia le formulazioni teoriche sia la traduzione di queste ultime sulla tela. I riferimenti tuttavia spaziano dal mondo dell?arte a quello filosofico, nel quale Nunziante dirà di trovare ispirazione soprattutto in Arthur Schopenauer e Friedrich Nietsche.
La poetica di Nunziante si evolve negli anni, pur rimanendo fedele a se stessa e ad una impostazione umanista, che pone l?uomo al centro della vicenda artistica e umana. Tra le tematiche sviluppate dal Maestro assumono sempre maggiore importanza il mito, espressione di classicismo, la Metafisica intesa nel significato aristotelico come custode della bellezza, privata quindi del senso di inquietudine dechirichiano, l?Umanesimo, ricerca e indagine profonda sull?uomo, il Surrealismo, nuovo spazio per la fantasia e l?illusione.

Impegno nel sociale - Accanto all?attività creativa e artistica, Antonio Nunziante si è dedicato in questi anni anche al sociale, dedicando tempo, energia, passione e risorse ai giovani impegnati in diverse attività sportive, dalla pallacanestro al calcio, dall?equitazione al tennis e sostenendo numerose iniziative culturali. Il 26 Luglio 2008 arriva anche un importante riconoscimento italiano, il Maestro riceve dal Prefetto di Carrara La "MEDAGLIA DELLA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA", per la sua importante attività culturale. Un riconoscimento che, alla stregua di altri rari e prestigiosi Premi Internazionali, seleziona le massime personalità nel mondo della Scienza e della Cultura. Il 21 Maggio è una data da ricordare perchè per la prima volta viene battuta un'opera di Nunziante nell'importante casa d'aste Sotheby's la più importante casa d'Aste Internazionale. Nella sede di Milano dunque viene aggiudicata l'Opera "INTERNO SILENTE" del 2008. Ma qualche mese dopo un?altra opera verrà battuta all?asta, "I giardini incantati", che dopo 18/20 rilanci viene aggiudicata per 22.350 euro.