Scafati IL BARBIERE DAL BARBIERE

Vernissage luned́ 6 aprile 2009, ore 19:00
letto 1656 volte
E' intorno alla figura del barbiere, il proprio barbiere di fiducia e la sua bottega, che si incentra e prende vita il divertente esperimento site specific di tre artisti scafatesi: Luigi Pagano, Pier Paolo Patti e Ciro Vitale, che trasformeranno L'officina del capello di Generoso Celone -rispettivamente bottega e barbiere- da luogo fisico di incontro, relax e...

cure estetiche in luogo metafisico, spazio culturale di creazione estetica in cui soggetto e oggetto artistico si fondono insieme nella ricerca creativa. Il barbiere dal barbiere è un esperimento che si concentra sul carattere universale dell'arte che può generarsi in ogni spazio e prendere vita da ogni micro realtà, semplicemente aiutando lo spettatore nel cambiare la messa a fuoco percettiva dei luoghi e dei ruoli. Gli interventi dei tre artisti hanno per soggetto/oggetto la figura del barbiere ed il suo spazio, la sua pratica lavorativa, le sue ritualità quotidiane e la sua manualità, reinterpretate in ottiche e con generi artistici diversi. Luigi Pagano sceglie come suo linguaggio espressivo la fotografia. Attraverso un ciclo fotografico di circa 20 scatti nati in modo estemporaneo, quasi per noia, quasi ad ingannare il tempo d'attesa del proprio turno. Le immagini montate con magneti su lastre di metallo e realizzate utilizzando la fotocamera digitale del suo cellulare, omaggiano il barbiere ed il suo mondo intimo fatto di oggetti ed espressioni che si riflettono attraverso lo specchio. L'artista crea con la fotografia un gioco di rimandi visivi che nella sua dimensione descrittiva richiamano alla mente diversi riferimenti pittorici. Pier Paolo Patti invece, interrogando lo strumento video racconta la dimensione mentale del protagonista. Il barbiere ed il suo sguardo fisso e concentrato sui movimenti fulminei dei propri attrezzi, diventano il fulcro espressivo del filmaker. Forbice e pettine sono mossi con precisione e maestria nell'aria offrendo allo spettatore una dimensione in cui è protagonista il gesto: un gesto veloce, esaltato nella sua potenza espressiva. Sulla gestualità è incentrato anche l'omaggio artistico di Ciro Vitale, che si interroga ed indaga la ritmicità del gesto, la dimensione rituale dell'azione che si ripete con quotidianità e familiarità nella dimensione spazio/tempo bottega; la sua ricerca è esplicata attraverso forbici e mani di gesso bianco, cifre espressive, che si installano nello spazio ridisegnandolo. Luigi Pagano (1963) vive e lavora tra Scafati (Sa) e Napoli. Diplomato in pittura all'Accademia delle Belle arti di Napoli, oggi docente di discipline pittoriche presso il Liceo Artistico del capoluogo partenopeo. Ha al suo attivo numerose mostre in Italia ed all'estero, le sue opere si trovano in importanti collezioni pubbliche e private. Pier Paolo Patti (1978) lavora tra Scafati (Sa) e Roma. Diplomato allo IED di Roma con tesi in videoanimazione. Tra le sue opere più interessanti ricordiamo il video Compianto che nel 2005 fu scelto come 1° classificato a Fair Play, di Salerno a cura di Massimo Bignardi. Ciro Vitale (1975) vive e lavora a Scafati (Sa). Diplomato in Decorazione presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli. Da poco ha terminato la sua esperienza formativa presso la Fondazione Antonio Ratti di Como, dove ha partecipato alla 14° edizione del Corso Superiore di Arti Visive, lavorando sotto la direzione artistica di Yona Fridman.