NAPOLI, SZN, COMITATO SCIENZA E SOCIETA', INCONTRO-DIBATTITO "SQUALI E MITI: I MOSTRI DEL MEDITERRANEO'"

10 luglio 2018, ore 17,00 - Stazione Zoologica Anton Dohrn, Sala Conferenze
letto 152 volte
img-20180709-171353-resized-20180710-121655098.jpg

Per secoli i popoli che hanno abitato sulle coste del Mediterraneo hanno avuto con il mare un rapporto strettissimo, fatto di venerazione, rispetto e anche paura. Gli abissi, privi di luce, apparivano in tempi lontani luoghi misteriosi abitati da mostri e esseri sconosciuti che rappresentavano una minaccia per i naviganti e per i popoli costieri. Tuttavia, il mare era anche fonte di cibo, via di comunicazione, foriero di vita e di commerci, "croce e delizia" per coloro che lo vivevano. Alcuni dei mostri che popolavano il nostro mare erano, appunto, gli squali, animali con i quali il rapporto con la specie umana è molto mutato nel tempo.

Queste e molte altre riflessioni saranno lo spunto di partenza per l'Incontro-dibattito: "Squali e miti: i mostri del Mediterraneo?", evento promossodal Comitato Scienza e Società della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli. L’incontro si terrà il giorno 10 luglio, alle ore 17,00, presso la Sala Conferenze dell'Ente di Ricerca. Tra la cinematografia e la letteratura, gli squali hanno conquistato da sempre un posto di rilievo nell’immaginario collettivo: spietati assassini, pericolo per bagnanti e navi, spaventosi esseri capaci di seminare terrore e paura. Una credenza messa in discussione dalla scienza e da dati verificabili.

La percezione degli squali cambierebbe radicalmente, infatti, se soltanto si considerasse che, ogni anno, a mietere più vittime sono addirittura le zanzare. Non tutti sanno, per l’appunto, che gli squali sono tra le specie marine più vulnerabili: a causa dell'uomo, vengono massacrati milioni esemplari dalla pesca accidentale o mirata e sono ad altissimo rischio di estinzione. L'eventodarà l'opportunitàdi rivedere in una ottica rivoluzionaria ataviche credenze popolari, permettendo di adeguare la nostra percezione ai dati della scienza e dell’esplorazione degli abissi. Ciò fornirà nuovi strumenti per divenire maggiormente consapevoli delle opportunità e dei reali rischi che si nascondono nel meraviglioso pianeta blu.

L’incontro-dibattito"Squali e miti: i mostri del Mediterraneo?" vedrà la partecipazione, in qualità di relatori di:Angelo Mojetta, Istituto per gli Studi sul Mare - ISM (Milano); Fabrizio Serena, Istituto per l’Ambiente Marino Costiero - CNR (IAMC-CNR);  Lorenzo Rossi, Divulgatore naturalistico.