SARNO, COMITATO "INSIEME PER LA SALUTE-SARNO"

letto 111 volte
1-sarno-ospedale-martiri-del-villa-malta-840x480.jpg

Si è conclusa con la promessa che verranno chiarite a breve le sorti del “Martiri del Villa Malta” di Sarno, con la convocazione di un tavolo di confronto con il Direttore Generale appena insediato.

Nella giornata di ieri, infatti, il comitato “” ha raggiunto la sua piccola grande vittoria: dopo aver presentato richiesta formale per richiedere un’audizione presso l’Ente regionale, infatti, la seduta si è svolta martedì mattina, alla presenza del Presidente, Vincenzo Alaia, di una delegazione del comitato cittadino, del sindaco, Giuseppe Canfora e di una rappresentanza della sua Amministrazione, dell’onorevole Virginia Villani e della senatrice Luisa Angrisani.

Per il comitato, ha esposto una breve relazione il dottor Ciro Palumbo, il quale ha enunciato tutte le criticità che vive il nosocomio cittadino, elencando, reparto per reparto, tutte le problematiche in essere. Dopo questa breve panoramica, nella quale è stato descritto anche l’ingente taglio che ha riguardato i posti letto, Palumbo ha avanzato tutta una serie di proposte, che sono state approvate anche nell’atto di indirizzo che l’Amministrazione della città dei Sarrastri ha votato in maniera unanime nel consiglio dello scorso 27 giugno.

Ciò che è stato richiesto, dunque dal comitato è una seria azione di programmazione che possa andare ben oltre le soluzioni – tampone proposte in questi ultimi giorni; un impegno anche per ciò che concerne le politiche di investimento, strutturali e in materia di tecnologia, per permettere azioni di prevenzione, trattamento e controllo dei pazienti che si rivolgono alla struttura sanitaria di Sarno. Situazione e richieste evidenziate anche dagli interventi dell’onorevole Villani e della senatrice Angrisani, che hanno sottolineato l’urgenza di far luce sul fatto che, molti medici, dopo un breve periodo di permanenza presso il “Villa Malta” o chiedono il trasferimento, o rassegnano le proprie dimissioni.

Le due rappresentanti istituzionali hanno poi convenuto con quanto espresso dal delegato del comitato, sulla necessità di operare fattivamente per risollevare le sorti del nosocomio cittadino, investendo anche in formazione sul campo dei medici specializzandi, prevedendo per loro persino l’equipollenza, ossia il riconoscimento dell’esperienza sul campo, per conferire loro la specializzazione. Dopo l’inciso anche di altre cariche, come il sindaco Canfora, la presidente del consiglio regionale, Valeria Ciarambino e del consigliere regionale Tommaso Pellegrino, il Presidente Alaia ha tirato le somme, pur senza lanciare una frecciatina alla maggioranza che compone la Commissione, che era di fatto assente a questo appuntamento.

La seduta dunque è stata sciolta con la garanzia che, nel giro di qualche settimana, verrà convocato un tavolo tecnico con la neo dirigenza, questa volta per mettere in campo tutte le progettualità necessarie non per riportare a galla una delle strutture sanitarie più giovani in Campania, ma per renderla di nuovo un polo d’eccellenza per il comprensorio tutto.