BOSCOREALE (NA), "GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI", IL COMUNE METTE A DISPOSIZIONE PROPRI BENI

letto 267 volte
7-boscoreale.jpg

E’ stato pubblicato oggi l’avviso pubblico approvato dalla giunta per incoraggiare la presentazione di progetti nell’ambito della misura "Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici" attuato dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica e il Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L'obiettivo della citata misura è di promuovere progetti del privato sociale diretti ai giovani,  finalizzati sia all’inclusione sociale sia alla crescita personale, favorendo l’occupabilità, l’attivazione, l’integrazione, inclusione e politiche d’innovazione sociale, da intendersi quale trasformazione gestionale economica e tecnologica di servizi, spazi e beni pubblici.

L'amministrazione comunale intende sia sostenere la valorizzazione e piena fruizione di propri beni patrimoniali, disponibili o non disponibili, sia promuovere  l'imprenditoria e l'occupazione sociale giovanile. In particolare, tale partecipazione si configura come esercizio delle proprie prerogative istituzionali, attraverso il rilascio di concessioni, autorizzazioni ovvero altri titoli abilitativi, che consentano l'accesso e/o l'utilizzo di beni di proprietà del comune, intrinsecamente indispensabili all'attuazione delle attività progettuali.

Quanti interessati a fruire di beni patrimoniali del  comune per proporre progetti nell’ambito della citata misura, possono inoltrare, unicamente a mezzo pec, richiesta di disponibilità di beni entro le ore 24:00 di giovedì 8 febbraio.

Il comune non effettuerà alcuna valutazione circa la validità dell'idea progettuale presentata, né la sua rispondenza ai criteri previsti dall'avviso, ma si limiterà, attraverso i propri uffici, a verificare la possibilità di mettere a disposizione dei soggetti proponenti gli immobili individuati affinché gli stessi possano dichiararne la disponibilità in sede di compilazione della domanda di partecipazione. Il comune, inoltre, si riserva di attestare la disponibilità del medesimo bene anche con riferimento a più proposte progettuali, rimettendone la valutazione agli uffici di governo competenti.

I beni saranno resi disponibili nello stato in cui si trovano, restando a carico dei soggetti proponenti qualsiasi intervento necessario e funzionale al loro utilizzo rispetto al progetto presentato.