C/MARE DI STABIA (NA), BLITZ DI POLIZIA MUNICIPALE E GUARDIA COSTIERA NEL RIONE ACQUA DELLA MADONNA, ELEVATE 200 MULTE

La maxi operazione nella tarda serata di ieri è stata coordinata da Guglielmo Cassone, comandante della guardia costiera, da Antonio Vecchione, comandante della polizia municipale, e da Gianpaolo Scafarto, assessore alla sicurezza e alla legalità. Il sindaco Gaetano Cimmino: "Ci impegneremo a dare seguito a questa iniziativa con altre attività nei quartieri e nel centro cittadino per ripristinare la normalità e la vivibilità sul nostro territorio".
letto 114 volte
79-gaetano-cimmino.jpg

Una maxi operazione di polizia municipale e guardia costiera nel quartiere Acqua della Madonna è andata in scena ieri sera nell'ambito delle attività di contrasto all'illegalità diffusa sul territorio. Sono state elevate oltre 200 multe alle auto in sosta vietata e a quelle che occupavano il suolo demaniale, nel corso del blitz coordinato da Guglielmo Cassone, comandante della guardia costiera, da Antonio Vecchione, comandante della polizia municipale, e da Gianpaolo Scafarto, assessore alla sicurezza e alla legalità. 

"Un lavoro certosino per scoraggiare la sosta selvaggia nel cuore del centro antico, in un quartiere particolarmente frequentato durante i weekend. - sottolinea Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia - Rivolgo pertanto un plauso all'assessore Gianpaolo Scafarto, al comandante della guardia costiera Guglielmo Cassone e al comandante della polizia municipale Antonio Vecchione, che hanno contribuito a garantire controllo del territorio e ordine pubblico. Ci impegneremo a dare seguito a questa iniziativa con altre attività nei quartieri e nel centro cittadino per ripristinare la normalità e la vivibilità sul nostro territorio". 

"Insieme agli agenti di polizia municipale e alla guardia costiera abbiamo riportato un po' di ordine ad un contesto in cui da troppo tempo il parcheggio abusivo e la sosta selvaggia erano diventati una triste prassi. - sostiene Gianpaolo Scafarto, assessore alla legalità - Ma non basta. Dobbiamo proseguire con altri interventi a catena per dare un segnale ai cittadini e garantire sicurezza al territorio".