CRITICITA’ AI PASSAGGI A LIVELLO FERROVIARI CONTROLLI A TAPPETO DELLA POLIZIA DI STATO

letto 213 volte
controlli-passaggi-a-livello.jpg

Nell’ultimo mese il Compartimento di  Polizia Ferroviaria per la Campania, dopo aver ricevuto alcune  denunce di danneggiamento di barriere di passaggi a livello e numerose segnalazioni di attraversamenti con segnale rosso e con sbarre in chiusura, da parte delle ferrovie, ha sanzionato 130 automobilisti per violazioni al Codice della Strada commesse in prossimità di   passaggi a livello ferroviari.

La Polizia Ferroviaria  ha attuato quindi  servizi mirati alla prevenzione di queste pericolose condotte di guida, su tutto il territorio regionale ed  in particolare in località Acerra lungo la tratta ferroviaria Cancello - Acerra – Casalnuovo, che da un’analisi sul fenomeno è risulta la più esposta alla problematica.

A destare preoccupazione, oltre alla pericolosità di questi comportamenti è anche la loro sistematicità,  elemento che non può essere assolutamente  sottovalutato perché  riguarda azioni che sono spesso all’origine di incidenti  gravi o mortali e, che, nelle ipotesi meno importanti in ordine alle conseguenze,  producono i c.d. tallonamenti ossia danneggiamenti causati dall’urto dei veicoli contro barriere, sistemi di manovra e segnaletica verticale,  che provocano ingenti danni alle infrastrutture e gravi rallentamenti ed interruzioni del traffico ferroviario, con forti disagi per i viaggiatori.

Come è accaduto qualche giorno fa sulla linea Salerno – Reggio Calabria, in località Battipaglia, dove l’autista di un autocarro ha divelto la barriera di un passaggio a livello. L’uomo è stato rintracciato, denunciato e sanzionato amministrativamente dalla Polfer.

Le violazioni rilevate hanno riguardato  quindi il mancato rispetto delle prescritte norme di comportamento ai passaggi a livello.

Al riguardo la Polizia Ferroviaria ricorda che ai sensi dell’art. 147 CdS, ai passaggi a livello è necessario usare la massima prudenza per evitare incidenti ed osservare le segnalazioni. E’ sanzionabile altresì non assicurarsi dell'arrivo di un treno; attraversare quando le barriere  stiano per chiudersi o per aprirsi o siano in funzione i dispositivi di segnalazione luminosa o acustica o i mezzi sostitutivi; non sgomberare sollecitamente il passaggio a livello; non attuare lo spostamento del veicolo in caso di arresto forzato dello stesso sui binari o non adoperarsi, per quanto possibile, per evitare ogni pericolo per le persone nonché per fare in modo che i conducenti dei veicoli su rotaia siano avvisati in tempo utile dell'esistenza del pericolo.  Le sanzioni previste sono, oltre al pagamento di una sanzione di 85 euro, la decurtazione di 6 punti e, in caso di recidiva nel biennio, la sospensione della patente. Pesanti le conseguenze penali cui si va incontro nel caso dalla manovra azzardata scaturisca un tallonamento o un incidente ferroviario, con ipotesi che vanno dal danneggiamento, all’interruzione di pubblico servizio, al delitto colposo di pericolo, per finire alle fattispecie di maggiore  gravità che si configurano nel caso si causi un disastro ferroviario con feriti o morti.

L’art.148 del CdS, relativo al sorpasso, sanziona, tra l’altro,  il superamento di veicoli fermi o in lento movimento, ad un passaggio a livello prevedendo, oltre alla sanzione pecuniaria di 163 euro, la decurtazione di 10 punti e la sanzione accessoria della sospensione della patente.

I citati controlli, che hanno  prodotto significativi risultati anche in termini di deterrenza delle condotte scorrette, proseguiranno  in quella ed in altre località della Campania, in ragione del verificarsi delle descritte criticità.