SCAFATI, IL SINDACO CHIUDE I CENTRI ANZIANI

PARE CHE IN QUALCHE CENTRO ANZIANI DI SCAFATI CI SIA STATO UN CASO DI COVID NON DENUNCIATO
letto 116 volte
5-4e04a692b0c10.jpg

Con l'ordinanza che segue il Sindaco decide di chiudere i centri anziani scafatesi. La decisione non sembra essere stata presa a caso. Da notizie ricevute con passaparola, pare che in uno almeno di questi centri per anziani ci sia stato un caso di covid, un 80enne ricoverato in ospedale e, addirittura intubato. Quello che non è chiaro è se abbia frequentato il centro in questione e con chi si sia infettato e se siano stati predisposti tamponi per altri anziani. Da queste notizie pare sia scaturita l'ordinanza che segue:

"Cari Concittadini,
come avevo anticipato negli ultimi giorni, ho deciso di adottare una serie di misure restrittive per arginare la diffusione del Covid 19 sul nostro territorio, anche alla luce dell’incremento del numero dei casi che si sta registrando da un mese a questa parte a livello regionale e anche nella nostra città. Ritenendo assolutamente prioritario, in questa delicata fase, tutelare soprattutto le fasce più fragili della popolazione, ovvero i soggetti più esposti al rischio di contrarre il virus come gli anziani, ho deciso di disporre, con un’ordinanza firmata questa mattina, la chiusura di tutti i centri anziani, anche in considerazione del fatto che in tali luoghi di aggregazione risulta più difficile rispettare le norme del distanziamento sociale. Non avrei voluto adottare nuovamente misure restrittive di tal genere ma la mia doppia veste di medico e sindaco di questa città mi impone di fare delle scelte (anche impopolari) a tutela dei miei concittadini, a partire dai soggetti più fragili. Sono pronto a mettere in campo ogni altra azione necessaria per scongiurare l’ulteriore diffusione del virus. Sempre questa mattina, ho chiesto alla polizia municipale e ai carabinieri di effettuare maggiori controlli sul rispetto delle norme anti-covid attraverso il pattugliamento del territorio e ho, nel frattempo, scritto al prefetto di Salerno Francesco Russo per chiedere l’invio di un contingente militare nella nostra città affinché si possano incrementare le attività di controllo delle forze dell’ordine locali finalizzate a garantire il rispetto delle norme anticontagio".