PROVINCIA DI SALERNO: PRIMO FINE SETTIMANA CON CHIUSURA ALLE ORE 23 – LE FF.OO. NE VERIFICANO IL RISPETTO

letto 78 volte
11-controlli-movida.jpg

A seguito delle modifiche normative introdotte continua l’attività di controllo finalizzata a contenere l’evoluzione dei contagi, unità della Polizia di Stato, dell’Arma Carabinieri, della Guardia di Finanza, dell’Esercito Italiano e della Polizia Provinciale e Locali sono state impegnate a verificare il rispetto delle ultime disposizioni in materia di contrasto alla diffusione del Covid—19, così come concordato in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Salerno, dr. Francesco RUSSO.

Il Questore della Provincia di Salerno, dr. Maurizio FICARRA, d’intesa con il Comandante Provinciale dell’Arma Carabinieri, Col. Gianluca TROMBETTI, e della Guardia di Finanza, Generale Danilo PETROCELLI, con specifica ordinanza, ha ulteriormente intensificato l’attività di prevenzione e vigilanza ottenendo i seguenti risultati:

  • persone controllate: nr. 1895
  • persone sanzionate per mancato uso mascherina: nr. 26
  • esercizi pubblici controllati: nr. 451
  • esercizi sanzionati per somministrazione al banco dopo le ore 18 e vendita da asporto dopo le ore 21: nr.4 

Nella settimana appena trascorsa, intensa è stata l’attività delle Forze dell’Ordine nella ricerca di una fattiva interlocuzione con i rappresentanti dei vari settori economici i cui iscritti unitamente alle loro maestranze stanno maggiormente soffrendo gli effetti della pandemia 

sul piano economico, al fine di cercare di coniugare la legittima protesta con il rispetto delle libertà individuali e la tutela dell’ordine pubblico. Intensa e produttiva in questa provincia è stata la cooperazione tra manifestanti e Forze dell’Ordine nell’imperdire a frange violente di inquinare le prennunciate manifestazioni. In questo Capoluogo ed in varie località della provincia si sono tenute numerose iniziative di dissenso verso la chiusura anticipata degli esercizi commerciali, in particolare bar e ristoranti, alle quali hanno preso parte centinaia di esercenti maestranze e cittadini. Le proteste si sono svolte in maniera pacifica ed attentamente controllate dalle Forze dell’Ordine.