PREVENZIONE INCENDI: DOMANI CANTIERE DIDATTICO DI FUOCO PRESCRITTO IL COMUNE DI BARONISSI

Martedì 19 ottobre ore 9 – Località Saragnano, Baronissi (SA)
letto 86 volte
1.a-osservatorio-appennino-meridionale-rid-2-.jpg

Il Consorzio Osservatorio dell'Appennino Meridionale, costituito nel 1999 con sede presso il Campus di Fisciano dell'Università degli Studi di Salerno, ha organizzato il secondo Corso di formazione "La Progettazione, direzione ed esecuzione degli interventi di fuoco prescritto in Regione Campania", iniziato il 15 settembre.

Il Corso ha lo scopo di formare esperti abilitati nella progettazione e direzione dei cantieri di fuoco prescritto in Regione Campania, secondo quanto disposto dalla Legge Regionale n. 20 del 13 giugno 2016 "Norme per l'applicazione pianificata del fuoco prescritto".

Il percorso formativo è articolato in 60 ore di docenza, di cui 34 in modalità webinar, 21 di pratica in campo e 5 di seminario svolto presso il "Forest Fire Area Simulator" di Castel Volturno.

Sono iscritti al Corso 70 discenti che domani, martedì 19 ottobre, alle ore 9, parteciperanno al Cantiere didattico di 'fuoco prescritto', nel Comune di Baronissi (SA), in via S.S. Salvatore, Località Saragnano.

Sono coinvolti, nell'attività promossa dal Consorzio Osservatorio Appennino Meridionale, l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania, l'Università degli Studi di Salerno, il Comune di Baronissi, la Comunità Montana Irno-Solofrana, il Comando dei Carabinieri Forestale, la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco.

"Il Consorzio Osservatorio dell'Appennino Meridionale, costituito da Regione Campania, Università degli Studi di Salerno e Comunità Montana Irno Solofrana, organizza, fra le altre attività, corsi di formazione, molti dei quali in sinergia con l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania. È questo il caso del Corso di formazione sul 'fuoco prescritto', molto innovativo e di grande attualità vista la generale situazione di emergenza legata agli incendi – sottolinea il Presidente del Consorzio Osservatorio e coordinatore del Corso, Prof. Mariagiovanna Riitano.  Il corso, finalizzato a formare esperti abilitati, è destinato a professionisti, ma anche a laureandi e neolaureati dell'Università di Salerno. Domani si svolgerà la giornata più importante dell'intera attività formativa, con la realizzazione del cantiere didattico nel Comune di Baronissi".

"L'Osservatorio in generale, e in questo caso in particolare, - evidenzia il Direttore del Consorzio Osservatorio, Prof. Salvatore Sica - è un esempio virtuoso di sinergia tra enti pubblici, ciascuno per la propria competenza, per lo svolgimento di attività di formazione e di ricerca finalizzate ad un ritorno di utilità effettiva per la comunità. Si tratta di un momento in cui le istituzioni fanno sistema per il bene comune, tra l'altro con una gestione in totale economia e senza sprechi delle risorse pubbliche".

"L'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania pone grande impegno nelle attività di prevenzione degli incendi boschivi – dichiara il responsabile scientifico del Corso, Dott. Marcello Murino, funzionario regionale -  La tecnica del 'fuoco prescritto', nella cui divulgazione e sperimentazione sono impegnati l'Osservatorio e gli uffici regionali preposti, è un ulteriore strumento da utilizzare per ridurre il rischio che si sviluppino incendi di vaste proporzioni nei mesi estivi più caldi. La Campania è la prima regione in Italia ad aver disciplinato la tecnica del fuoco prescritto con legge specifica: una tecnica avanzata di prevenzione".

"Auguro un buon lavoro a tutti i partecipanti a questa iniziativa formativa che bene esprime l'attenzione della nostra Università al territorio plasticamente inteso, studiato anche nelle sue caratteristiche ambientali più specifiche - afferma il Rettore Vincenzo Loia - In sinergia con gli attori istituzionali di riferimento possiamo lavorare alla sperimentazione di nuovi strumenti e modalità per apportare soluzioni innovative agli aspetti di maggiore problematicità che investono i nostri luoghi e per conseguire definiti obiettivi di tutela e gestione".