SAN MARCELLINO (CE), RINVENUTI PROIETTILI DI ARMA DA FUOCO NELLA VILLA DI GIMMI CANGIANO. CIRIELLI (FdI): "SI FACCAI IMMEDIATAMENTE LUCE SULLA VICENDA"

ANCHE DA PARTE DI CARMELA RESCIGNO (FDI): PIENA LUCE SU INTIMIDAZIONE CONTRO CANGIANO
letto 81 volte
3-cirielli-edmondo.jpg

Esprimo la mia solidarietà a Gimmi Cangiano - vice coordinatore regionale di Fratelli d’Italia in Campania - per la brutta vicenda che lo ha visto protagonista. Qualcuno ha sparato dei proiettili nel giardino della sua abitazione. Fortunatamente Cangiano e la sua famiglia non erano in casa al momento dei fatti. Si faccia immediatamente luce su quest’assurdo episodio criminale. Sdegno e condanna per questo inaccettabile atto intimidatorio nei confronti del componente della Dirazione nazionale, che certamente non si lascerà intimorire da nessuno. Tutto il partito di Fratelli d’Italia è al suo fianco. Questo vile gesto non resterà impunito. I delinquenti saranno presto individuati e assicurati alla giustizia”. Lo dichiara il Questore della Camera e deputato campano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli.

Anche da parte di Carmela Rescigno, consigliere Regionale di Fratelli d'Italia attestazioni di solidarietà verso Cangiano:

Si faccia piena luce sul gravissimo atto intimidatorio nei confronti di Gimmi Cangiano, dirigente di primo piano di Fratelli d’Italia. Un proiettile è stato ritrovato conficcato all’interno di un tavolo della propria villa di San Marcellino. A Gimmi va la mia vicinanza umana e politica”.