CONFERITO IL TITOLO ACCADEMICO HONORIS CAUSA IN SOCIOLOGIA, AL MEDICO SALERNITANO VINCENZO MALLAMACI

letto 202 volte
mallamaci-mannino.jpg

Un nuovo importante riconoscimento per il professor, dottor Vincenzo Mallamaci. Al medico di Capaccio Paestum, specializzato in cardiologia e malattie della circolazione, è stato infatti conferito, la scorsa settimana, il titolo, da parte dell'UnitelematicStar College.

"Siamo lieti di insignire il professor dottor Mallamaci del titolo accademico onorifico quale dottore in sociologia honoris causa, per il grande impegno morale, umano, e sociale che egli dimostra nel lavoro quale medico ha affermato e nel volontariato missionario in Africa. Ammirati per la straordinaria persona ci complimentiamo e congratuliamo con lui", ha scritto nelle motivazioni il presidente dell'università il cavaliere dottor Angelo Stella.

La Unitelematica Star è una scuola universitaria privata di diritto internazionale è legalmente costituita ed autorizzata. Nasce con la finalità specifica di diffondere le basi comuni della cultura a livello internazionale.

La cerimonia di consegna dell'importante riconoscimento è avvenuta a Roma presso la sede dell'università. Emozionatissimo il dottor mallamaci ha ringraziato il presidente Stella, e tutti coloro che hanno voluto conferirgli il titolo accademico honoris causa.

"Questo titolo mi riempie di orgoglio, sia come medico che come volontario. È per me un ulteriore stimolo a continuare il mio lavoro, ogni giorno, sempre con la stessa passione, e con la stessa dedizione". Il dottor Vincenzo Mallamaci, lo ricordiamo, è tra i fondatori dell'associazione "E ti porto in Africa", oggi presidente internazionale, che ha lo scopo di cooperare con i paesi in via di sviluppo e diffondere la cultura del dialogo tra i popoli ispirandosi ai valori della fratellanza tra gli uomini e della solidarietà tra i popoli punto è indipendente da qualsiasi schieramento politico, culturalmente aperta tutte le persone di buona volontà, senza distinzione di sesso, razza, cultura e religione, purché abbiano una motivazione che condivide i drammatici problemi del terzo mondo e l'impegno alla solidarietà