DOCENTI DELLE SCUOLE SALERNITANE AL CENTRO MEDICINA E RIABILITAZIONE SAN LUCA PER PARLARE DI "DISREGOLAZIONE EMOTIVA E GESTIONE DEL COMPORTAMENTO", UNA PROBLEMATICA SEMPRE PIU' EMERGENTE

letto 124 volte
san-luca1.jpg
"Disregolazione emotiva e gestione del comportamento, analisi e gestione a scuola" una problematica sempre più emergente. I dati, infatti, secondo l'Istituto Superiore di Sanità sono in aumento. Tematica affrontata in un primo incontro il 16 febbraio scorso al Centro Medicina e Riabilitazione San Luca di Battipaglia che ha coinvolto insegnanti di ogni ordine e grado di tutta la provincia di Salerno.

"La forte adesione registrata, in questo primo incontro - spiega la dottoressa Elisa Vitolo,  direttore generale del Centro San Luca - ci motiva ancora di più ad organizzare ulteriori convegni rivolti all'età evolutiva e agli adulti. Crediamo come gruppo Vitolo che solo così possiamo dare un reale supporto ai pazienti, alle famiglie e agli organi territoriali".

"Quello dello scorso 16 febbraio è stato il primo evento organizzato dal Centro San Luca per l'anno 2024 e prosegue l'iter degli eventi che si sono susseguiti nel 2023. - spiega la dottoressa Nunzia Vecchione - Questa volta abbiamo avuto il piacere di indirizzare l'intervento alle scuole perché crediamo che nell'ambito dell'età evolutiva la scuola sia un elemento centrale per tutto quello che riguarda il benessere del bambino indipendentemente dalla eventuale presenza di una patologia dello sviluppo. Abbiamo preferito le scuole perché da anni abbiamo la tradizione di avere dei collegamenti e dei lavori importanti con le scuole proprio per permettere una riabilitazione in rete che veda tutti gli attori e le figure partecipi dei progetti di abilitativi e devo dire, con molto orgoglio, che abbiamo avuto una risposta importante, massiva. Abbiamo avuto veramente tanti docenti, che hanno aderito a questo primo incontro. Perché proprio la disregolazione emotiva e perché proprio i disturbi del comportamento? Perché sicuramente, almeno stando agli ultimi dati dell'Istituto Superiore di Sanità, si sta configurando una crisi di salute nell'età adolescenziale e preadolescenziale preoccupante, e purtroppo con un abbassamento dell'età, perché sempre di più vediamo una disregolazione emotiva anche nei bambini di età prescolare".