SAN MARZANO SUL SARNO (SA), UNO SPORTELLO AMICO DELLA GORI E UNO SPORTELLO ENEL PER AIUTARE I CITTADINI NELLO SVOLGIMENTO DELLE PRATICHE BUROCRATICHE

Appello del consigliere comunale Vincenzo Marrazzo alle forze politiche del territorio. “La maggioranza sostenga l’iniziativa dando dei locali in comodato d’uso alle due società per aiutare i residenti ad abbattere i tempi della burocrazia”.
letto 94 volte
1-vincenzo-marrazzo-consigliere-comunale-san-marzano-sul-sarno-2.jpg

Uno sportello amico della Gori e uno sportello Enel per aiutare i cittadini nello svolgimento delle pratiche burocratiche a San Marzano sul Sarno. La proposta arriva da Vincenzo Marrazzo, consigliere comunale di opposizione, che chiede l’attivazione di due uffici che possano servire per eliminare la burocrazia che attanaglia cittadini e imprese nella comunità marzanese.

Oggi per sbrigare pratiche legate al servizio idrico e alla fornitura di energia elettrica bisogna muoversi verso San Valentino Torio, Nocera Inferiore, Sarno e Scafati, dove sono presenti gli uffici di queste due società. E’ dura ammetterlo, ma purtroppo San Marzano sul Sarno è nettamente indietro nell’offerta di servizi che possono rendere meno complicata la vita quotidiana dei nostri concittadini. Ecco perché penso a due sportelli che possano permettere di risolvere le pratiche in breve tempo e non nel giro di mesi che fanno solo perdere soldi e investimenti al territorio”.

Marrazzo, dunque, lancia la proposta alla maggioranza consiliare, chiedendo di dare in comodato d’uso a Gori ed Enel due sedi comunali per svolgere l’opera che viene già espletata in altri Comuni dell’Agro. “Andrebbe bene anche una sola sede, magari da condividere tra dipendenti di Enel e Gori. In questo modo San Marzano sul Sarno non sarebbe più la periferia di un comprensorio che ormai appare molto evoluto rispetto alla nostra città. Si tratta di servizi essenziali e non di sprechi di denaro pubblico. Ecco perché invito tutte le forze politiche della nostra comunità a mettere da parte le ideologie di sempre e a dare un contributo fattivo a questa terra, che spesso e volentieri viene dimenticata da tutti”.