LA GIVOVA SCAFATI BASKET RIALZA LA TESTA, METTE AL TAPPETO ROMA PER 93 A 84 E CREDE ANCORA NELLA SALVEZZA

Intanto la società rende noto che l'atleta Yuval Naimy è tornato improvvisamente in Israele per motivi familiari, si attende il suo ritorno per le decisioni della società.
letto 474 volte
dsc-7673.jpg

Con una gara fatta di grande personalità, grinta e autorevolezza, la Givova Scafati si mette alle spalle le tre sconfitte consecutive e conquista la sua settima vittoria stagionale, superando 93-84 la Roma Gas & Power Roma, nella venticinquesima giornata del girone ovest del campionato di serie A2.

Grazie ai due punti conquistati, la società dell’Agro è riuscita a raggiungere al terzultimo posto della classifica la Viola Reggio Calabria (sconfitta in casa 68-78 dall’O.R.S.I. Tortona) e a mantenere invariato il distacco di due lunghezze dall’ultima piazza, occupata dal Basket Agropoli, vittorioso 81-84 (dopo un tempo supplementare) al PalaBianchini di Latina. In virtù di questi risultati, a cinque giornate dal termine della stagione regolare, la lotta per la permanenza nella categoria si fa sempre più accesa.

I viaggianti approcciano il match con grande veemenza. Difendendo forte ed in maniera aggressiva, riescono a mettere la museruola alle bocche da fuoco locali, mentre in attacco, grazie agli esterni Deloach e Fanti e ai lunghi Righetti ed Easley, riescono a guadagnare un discreto vantaggio (7-17 al 7’). Coach Perdichizzi cambia difesa (da uomo a zona), fa ruotare nove decimi degli uomini a sua disposizione e trova in Crow e Ammannato i principali terminali offensivi, che suonano la sveglia, permettono alla Givova di recuperare lentamente il passivo e chiudere in parità (21-21) la prima frazione.
Proseguendo sulla falsariga degli ultimi minuti del primo quarto, i padroni di casa allungano lentamente sull’avversario (bene Santiangeli e Ammannato) e trovano con continuità la via del canestro (31-25 al 14’). Naimy, con la sua regia lucida e la precisione in fase conclusiva, trascina avanti i compagni (39-33 al 17’) e, trovando manforte in Jackson e Fantoni, riesce ad aumentare il divario, fino a raggiungere il +12 (47-35 al 19’), prima dell’intervallo che arriva sul 49-39.
La difesa a zona dei gialloblù è impenetrabile per l’attacco biancoazzurro, il cui ultimo baluardo resta il pivot Easley, che mette i suoi centimetri e la sua fisicità al servizio della squadra, permettendole di restare ancora in partita (54-46 al 24’). Sebbene il gioco sia costellato di errori da una parte e dall’altra ed il ritmo rallenti, il PalaMangano sostiene ed incita la squadra di casa, tenendola per mano e permettendole prima di aumentare il vantaggio (62-48 al 27’) e poi di chiudere avanti 71-56 la terza frazione.

Fanti, con la sua energia, e Malaventura, con la sua esperienza, provano vanamente a dare una scossa ai capitolini. Scafati però è brava a resistere e a giocare con quella autorevolezza e personalità, tale da consentirle di ampliare il divario e chiudere anzitempo la sfida (83-63 al 35’). Gli ultimi minuti della gara servono solo per le statistiche, nell’attesa che arrivi la sirena conclusiva sul 93-84.

Dichiarazione di coach Giovanni Perdichizzi: «Era una partita da vincere e, alla fine, abbiamo meritato ampiamente il successo. All’inizio, abbiamo patito un po’ l’importanza della partita ed abbiamo iniziato contratti. Poi abbiamo ruotato ed iniziato a giocare, ma soprattutto a difendere meglio. Abbiamo chiuso in parità il primo quarto e poi allungato nel secondo. Nel terzo e quarto periodo abbiamo gestito bene, portando a casa una vittoria importante sia per la classifica, che per il morale dei ragazzi, ai quali ho chiesto di giocare come in allenamento, perché quando si allenano danno il massimo, con impegno, dedizione e grande intensità. Lo abbiamo fatto con costanza, abbiamo allungato, soprattutto nel terzo periodo, grazie alle rotazioni, tant’è che ben 36 punti sono provenuti dalla panchina, e tenuto botta poi nell’ultima frazione».

I TABELLINI

GIVOVA SCAFATI 93 - ROMA GAS & POWER ROMA 84

GIVOVA SCAFATI: Dobbins 8, Di Palma n. e., Crow 15, Izzo, Lupusor 2, Fantoni 4, Naimy 16, Ammannato 9,
Jackson 27, Santiangeli 12. ALLENATORE: Perdichizzi Giovanni. ASS. ALLENATORE: Di Martino Umberto.

ROMA GAS & POWER ROMA: Nardi n. e., Deloach 18, Giampaoli, Malaventura 8, Fanti 10, Stanic 11, Righetti
13, Iannilli 10, Easley 14, Micevic. ALLENATORE: Bonora Davide. ASS. ALLENATORI: Di Chiara Luca e Pilot
Damiano.

ARBITRI: sig.ri Nicolini Alessandro di Santa Flavia (Pa), Rudellat Marco di Nuoro, Bramante Angelo Valerio
di San Martino Buon Albergo (Vr).

NOTE: Parziali: 21-21; 28-18; 22-17; 22-28. Tiri dal campo: Scafati 30/64 (47%); Roma 34/61 (56%). Tiri da due:
Scafati 16/34 (47%); Roma 27/49 (55%). Tiri da tre: Scafati 14/30 (47%); Roma 7/12 (58%). Tiri liberi: Scafati
19/22 (86%); Roma 9/9 (100%). Falli: Scafati 15; Roma 19. Usciti per cinque falli: Fanti. Espulsi: nessuno.
Rimbalzi: Scafati 26 (21 dif.; 5 off.); Roma 36 (30 dif.; 6 off.). Palle recuperate: Scafati 4; Roma 3. Palle
perse: Scafati 6; Roma 17. Assist: Scafati 22; Roma 22. Stoppate: Scafati 1; Roma 0. Spettatori: 1.800 circa.