PRIMA SCONFITTA DEL 2019, LA GIVOVA SCAFATI BASKET FINISCE KAPPAO’ A BERGAMO

letto 169 volte
passera-marco.jpg

Contro la prima classificata del girone ovest del campionato di serie A2, la Givova Scafati esce dal campo a testa alta, ma non riesce a portare a casa i due punti. Troppo forte il Bergamo Basket, che ha legittimato la propria posizione in graduatoria con un’ennesima prova convincente, nella quale è riuscita a conservare sempre un cospicuo vantaggio, tenendo a debita distanza l’avversario.

Quest’ultimo, dal canto suo, ha provato senza alcun timore reverenziale a ribaltare i pronostici della vigilia, ma non è riuscito ad andare oltre una buona prestazione, nella quale ha esordito anche l’ultimo arrivato Passera, non ancora inserito appieno negli schemi di gioco e non al massimo della condizione fisica. Ne è venuta comunque fuori una gara divertente, coinvolgente e vibrante, decisa nelle sue battute conclusive e vinta dalla formazione che ha tirato con percentuali da due nettamente superiori (72% contro 43%).

La sfida inizia in sordina, con i due quintetti che si studiano prima di infliggere i rispettivi colpi. La prima formazione ad andare a segno è quella di casa, che, con l’ex Fattori e Roderick, si porta avanti 5-0 al 3’. I centri di Ammannato e Rossato servono per tenere all’erta Scafati (8-6 al 4’), prima che Taylor si erga a protagonista e, prendendo per mano la squadra, la conduca ad un importante vantaggio, che cresce col trascorrere dei minuti (12-6 al 5’), fino a superare la doppia cifra (19-8 al 7’). Il capitano scafatese Ammannato, con l’ausilio di Thomas, prova a ricucire lo strappo (21-14 al 8’), ma le distanze restano pressappoco immutate fino al termine della prima frazione (27-21), nonostante i centri di Contento e Tavernari e l’esordio in campo dell’ultimo arrivato Passera.

Due triple di fila di Roderick consentono ai gialloneri di raggiungere nuovamente la doppia cifra di vantaggio (33-23 al 12’) e poi addirittura allungare con i centri di Zucca e Taylor (43-27 al 14’). E’ dura per i gialloblù, che in difesa faticano a contenere gli avversari, nonostante la buona prova offerta da Goodwin, che fa sentire la propria presenza sotto ambedue i tabelloni (48-37 al 17’). Un Rossato in fiducia, con due triple filate, consente alla Givova di scendere nuovamente sotto la doppia cifra di svantaggio (52-43 al 18’). Ma il quarto fallo fischiato a Thomas (richiamato conseguentemente in panchina da coach Lardo) spezza l’incantesimo e spiana la strada a Roderick e compagni, che guadagnano gli spogliatoi in vantaggio 57-44.

La notizia del successo della BPC Virtus Cassino sulla Virtus Roma e la prospettiva di guadagnare la vetta solitaria del girone ovest motiva oltremodo i bergamaschi, che hanno un buon impatto con la ripresa ed allargano la forbice del divario (67-48 al 26’), approfittando della perdurante assenza dal campo di Thomas, in panchina perché gravato di ben quattro falli. Le difese dominano sui rispettivi attacchi ed il gioco è continuamente spezzettato dai fischi arbitrali: situazione questa, della quale i viaggianti non riescono a trarne vantaggio. La verve di Contento permette loro di assottigliare però il margine di distacco (71-58 al 28’) e di tenere viva la sfida fino agli ultimi 10’ (73-62).

Il tiro da tre punti di Passera in avvio di frazione riporta Scafati sotto la doppia cifra di svantaggio (73-65 al 31’), prima che coach Lardo getti nuovamente nella mischia Thomas. Con dedizione ed impegno, la compagine ospite prova a mettere pressione sull’avversario, che però si affida alla freddezza di Taylor e Roderick per tenere in mano le redini del match (83-69 al 36’). Gli orobici riprendono a tirare con le percentuali di inizio gara e neanche il time-out chiesto dal tecnico dei campani riesce ad invertire il canovaccio di una sfida che vede sempre avanti gli uomini di Dell’Agnello, fino alla sirena conclusiva, che arriva mentre il tabellone elettronico segna il punteggio di 89-74.

Dichiarazione di coach Lino Lardo: «Confermiamo i nostri problemi in trasferta, soprattutto nella prima parte di gara che abbiamo chiuso con l’inaccettabile passivo di 57 punti. Devo complimentarmi con Bergamo, che ha dimostrato di meritare sul campo il primato in classifica: è una squadra che gioca molto bene una pallacanestro intensa. Il nostro approccio contro una simile formazione doveva essere diverso, siamo stati troppo molli. Nel secondo tempo abbiamo invece subito solo 32 punti, ma la partita era stata già purtroppo compromessa. La differenza, poi, sta nell’apporto fornito dagli statunitensi delle due formazioni: Thomas in trasferta non ci fornisce lo stesso apporto che invece riesce a darci in casa e per noi pesa moltissimo. Ma contro questa Bergamo tutte faranno fatica. Passera è appena arrivato, ma sono sicuro che nelle prossime partite potrà darci esperienza nella gestione di certi momenti che oggi ad esempio ci hanno condannato. Spero che questa partita ci serva da lezione per affrontare la seconda parte del campionato con il giusto spirito, tenendo il sedere basso, cercando di giocare insieme e di stare in una posizione di classifica tranquilla».

I TABELLINI

BERGAMO BASKET 89 GIVOVA SCAFATI 74

BERGAMO BASKET: Augeri, Casella 5, Roderick 26, Bedini, Taylor 21, Fattori 13, Zucca 9, Piccoli, Sergio 2, Marelli, Benvenuti 11, Zugno 2. ALLENATORE: Dell’Agnello Sandro. ASS. ALLENATORE: Vincenzutti Andrea.

GIVOVA SCAFATI: Goodwin 14, Passera 3, Romeo 6, Contento 11, Ammannato 16, Pavicevic, Rossato 13, Solazzi, Thomas 8, Sgobba n. e., Tavernari 3. ALLENATORE: Lardo Lino. ASS. ALLENATORE: Luise Sergio. 

ARBITRI: Ursi Stefano di Livorno, Tallon Umberto di Bologna e Valleriani Daniele di Ferentino (Fr).

NOTE: Parziali: 27-21; 30-23; 16-18; 16-12. Tiri dal campo: Bergamo 32/57 (56%); Scafati 25/64 (39%). Tiri da due: Bergamo 21/29 (72%); Scafati 15/35 (43%). Tiri da tre: Bergamo 11/28 (39%); Scafati 10/29 (34%). Tiri liberi: Bergamo 14/14 (100%); Scafati 14/20 (70%). Falli: Bergamo 22; Scafati 17. Usciti per cinque falli: Roderick. Rimbalzi: Bergamo 36 (32 dif.; 4 off.); Scafati 30 (21 dif.; 9 off.). Palle recuperate: Bergamo 3; Scafati 10. Palle perse: Bergamo 18; Scafati 11. Assist: Bergamo 18; Scafati 13. Stoppate: Bergamo 2; Scafati 3. Spettatori: 1.000 circa. Antonio Pollioso Ufficio Stampa