NAPOLI-TORINO 1-0, SPALLETTI CON I CAMBI VIENE A CAPO DI UNA PARTITA DIVENTATA DIFFICILISSIMA DOPO IL RIGORE MANCATO DA INSIGNE

letto 165 volte
osimhen-di-testa-segna-la-rete-della-vittoria.jpg

Dopo aver visto la sconfitta dell’Inter di Inzaghi con la Lazio di Sarri, e dopo aver visto il Milan, stare sotto di due reti col Verona e poi rimontare con un rigore dubbio e poi vincere per un’autorete di un difensore veronese, non vorremmo che il Napoli sottovalutasse il Torino di Juric, che, ricordiamo, quando allenava il Verona lo scorso anno, ci tolse la Champions, anche per una prestazione del Napoli che ancora grida vendetta. Ma questo Napoli non lo farà, è deciso a raggiungere Sarri che nel 2017/18, fece un filotto di 8 partite consecutive vinte, poi perdemmo lo scudetto nel modo che sappiamo. 

Contro il Torino abbiamo l’occasione di vincere per l’ottava volta consecutiva. Per ora il Milan si sta godendo il primato con un punto sul Napoli, che ancora deve giocare. Anche se il Torino ha la terza difesa del campionato, stasera non ce ne sarà per nessuno. 

Il morale è alle stelle e Spalletti metterà in campo la formazione che finora lo ha portato alle sette vittorie consecutive. Pur essendo rientrato da poco, giocherà Ospina e non Meret, mentre in attacco Politano dal primo minuto al posto di Lozano. 

Per il Torino di Juric, compito più difficile per alcune indisponibilità. Andrea Belotti, recuperato, partirà dalla panchina: 

Ma veniamo alla partita. 

CRONACA DEL PRIMO TEMPO 

Nei primi minuti grande aggressività da parte delle due squadre 

-Al 4’ Mario Rui crossa di sinistro dalla trequarti per Koulibaly che fa una cosa a metà tra una sponda ed un tentativo di schiacciare di testa verso la porta: Milinkovic-Savic raccoglie la sfera senza particolari affanni. Pericolo per la porta del Torino.

-Al 6’ Mandragora resta temporaneamente a terra: si tocca il ginocchio, lo staff medico del Torino lo soccorre. Il Napoli gestisce la palla, ma Mandragora si accascia nuovamente al suolo: il capitano granata ha provato a rimanere in campo (sappiamo il legame alla sua città natale), ma pare non ce la faccia. Esce dunque Mandragora ed entra Kone

-Al 10’ Il Napoli ora alza la pressione con il possesso palla: il Torino attende il Napoli nella propria metà campo! Il nigeriano Osimhen difende palla e lotta contro Bremer: riesce a sgusciare via e cerca il palo lontano con un potente destro dai 25m: palla fuori di pochissimo!

-All’11’ Ancora un Osimhen particolarmente ispirato cerca di appoggiare la palla in area ad Insigne. Il rimpallo non lo favorisce e Milinkovic-Savic blocca.

-Al 14’ Si fa vedere il Torino con Singo che galoppa sull'out di destra: supera Koulibaly ma deve fare i conti con un grande recupero di Insigne che si guadagna un calcio di punizione

-Al 15’ Angolo per il Toro: Singo spinge ancora e, sulla chiusura di Koulibaly, si guadagna il corner. Sul calcio d'angolo battuto, Bremer stacca senza marcatura. La palla finisce però tra le mani di Ospina che blocca.

Nonostante il Napoli si sia dimostrato molto pericoloso in zona offensiva, il Torino sta spingendo molto sugli esterni: la fisicità e la gamba di Aina e Singo stanno mettendo in difficoltà i terzini azzurri.

-Al 18’ occasione per il Napoli: Politano rientra sul sinistro con la classica giocata e prova a chiudere sul primo palo. Il tiro viene però smorzato, e la sfera diventa facile preda per Vanja Milinkovic-Savic.

-Al 20’ Di Lorenzo supera Ola Aina e con un cross dolcissimo permette ad Osimhen di staccare di testa in elevazione: la palla finisce di poco alto sulla traversa difesa da Milinkovic-Savic. Grossa occasione sprecata.

-Al 23’ Ci prova Politano con un doppio cross: prima da punizione e poi su azione, ma incontra due volte l'uscita di un sicuro Milinkovic-Savic.

-Al 25’ Sugli sviluppi del calcio di punizione Insigne prova uno schema con palla bassa verso Di Lorenzo che si pone con il corpo a difesa della palla, ma un ingenuo Kone travolge il giocatore del Napoli. Calcia Insigne e sbaglia ancora! Clamoroso errore del capitano del Napoli che, con un saltino, prova ad ingannare Milinkovic Savic: il rigore è però lento e il serbo blocca in due tempi. Il rigore ci avrebbe spianato la strada verso la vittoria.

-Al 28’ Ancora un'occasione per il Napoli! Osimhen cerca di anticipare Djidji in area di rigore ma viene chiuso.

-29’ Ancora un ottimo Ola Aina che, dopo l'incursione, appoggia a Brekalo che prova a chiudere sul primo palo con il sinistro: Ospina respinge in angolo. Pericolo scampato.

-Al 31’ Ci prova Osimhen con uno strappo straordinario ma Bremer chiude. Intanto, dopo il possesso conquistato dal Torino, Bremer si accascia al suolo: pare ci sia un problema muscolare.

-Al 34’ Punizione per il Napoli che prova a non darsi per vinto: un Bremer ristabilito lotta ancora con Osimhen, con il brasiliano che commette fallo.

-Al 35’ Altro schema su punizione con uno scambio rapido fra Zielinski ed Insigne: il capitano partenopeo finisce a terra, ma per Sacchi si può proseguire.

-Al 37’ Ammonizione per R. RODRIGUEZ (TORINO).

-Al 38’ Ottimo dribbling di Anguissa che con un doppio passo supera Singo e crossa basso per Koulibaly. Ottimo il piattone del senegalese, praticamente un rigore in movimento, ma altrettanto ottima la respinta di Milinkovic. Intanto, proprio sul piattone di Koulibaly Di Lorenzo disturba la parata di Milinkovic: l'assistente segnala un fuorigioco, considerando attiva la posizione del terzino campione d'Europa

-Al 41’ Si vede il Torino: Singo sguscia via ed appoggia a Lukic che cerca di metterla in mezzo. Koulibaly mura, e la palla termina in angolo.

-Al 42’ Ci prova il Napoli con Insigne: ottimo break di Zielinski che converge all'interno del campo e serve il capitano che punta e cerca il solito tiro a giro: palla che si impenna.

-Al 43’ Tentativo molto ambizioso di Sanabria che vede Ospina poco fuori dai pali e tenta l'eurogoal dai 35-40m: palla che finisce molto lontana dalla porta.

-Al 44’ Ancora il Napoli che spinge offensivamente con Di Lorenzo che effettua un cross radente: Singo stoppa la palla ma preferisce appoggiare in angolo per evitare rischi

-Al 45’ Politano perde per ben due volte il pallone e offre una volta a Brekalo e l'altra a Sanabria la possibilità di fare goal: nulla di fatto però.

-L’arbitro assegna 2’ di recupero

Al 46’ Altro grandissimo duello Osimhen-Bremer: sin qui tanti, tantissimi duelli fisici tra due squadre che non si risparmiano affatto.

Al 47’ finisce il primo tempo

Finisce in parità il primo tempo. Ma Insigne sbaglia un calcio di rigore. Che succede ad Insigne? E’ già il terzo rigore che sbaglia. Gli azzurri si sono resi pericolosissimi con i vari Osimhen, Insigne ed anche Koulibaly. Da segnalare una grande prestazione di Di Lorenzo sin qui: tantissima spinta in fase offensiva; in più si è guadagnato il calcio di rigore poi sbagliato da Insigne.

Per il Torino grande prestazione dei due esterni, Singo e Aina, davvero propositivi in fase di spinta; Bremer invece sta facendo il possibile per tenere a freno Osimhen, apparso in grandissima condizione fisica. Brekalo in più di un'occasione si è rivelato pericoloso in contropiede: il dialogo con Sanabria potrebbe aumentare ancor di più il suo indice di pericolosità.  Insomma, anche il Torino ha avuto qualche occasione da gol. 

CRONACA DEL SECONDO TEMPO

Il secondo tempo comincia sulla stessa falsa riga della prima: il pallino del gioco è in mano agli azzurri, ma il Toro fa sentire i "tacchetti" agli avversari e non rinunciano al contropiede con la velocità di Aina, Singo e Brekalo.

Al 54’ Bravissimo Osimhen ad attaccare ancora la profondità: attende l'arrivo di Politano e l'appoggia a lui: con il sinistro crossa per Insigne ma Djidji chiude in angolo.

Al 55’ Linetty, centrocampista polacco entra in ritardo su Zielinski che lo aveva anticipato: chiede anche scusa al suo connazionale. Punizione Napoli da posizione interessante che Di Lorenzo mette dentro di testa. Il sig. Sacchi sta valutando la posizione di Di Lorenzo al momento dell'impatto del pallone da parte di Mario Rui: si attende Di Bello al VAR. Il check del VAR dà torto al Napoli! Di Lorenzo è partito di pochi centimetri al di là dei difensori del Toro: il sig. Sacchi, coadiuvato dalla tecnologia VAR, annulla giustamente la rete del Napoli!

Al 59’ Sostituzione NAPOLI: entra H. LOZANO (11), esce M. POLITANO (21). Spalletti cerca adesso di aumentare la velocità in fase offensiva: sostituisce con un cambio "classico" Politano inserendo Lozano. Nessuna variazione tattica dunque

Al 61’ Ci prova subito il messicano Lozano sulla fascia destra a dribblare Ola Aina ma si allunga la palla che termina sul fondo. Troppa esuberanza qui da parte del messicano

Al 63’ Lozano sguscia va in velocità e incrocia con il destro sul secondo palo da grande attaccante! Palla che termina sul palo: sulla respinta ci prova Anguissa a volo con il sinistro ma la palla finisce fuori. Ottimo impatto di Lozano! Sfortunato il Napoli.

Al 65’ Anche il Torino c’è. Fraseggio Sanabria - Linetty - Brekalo: il croato scappa via dalla marcatura e prova ad incrociare. Incontra però un attento Ospina che respinge in angolo. Pericolo scampato.

Al 67’ Entrano Pobega, Belotti e Buongiorno, escono Linetty, Sanabria e R. Rodriguez. Juric se la vuole giocare fino in fondo.

Al 69’ Grande partita di Singo che si guadagna un altro calcio di punizione grazie alla sua progressione imponente.

Al 70’ Ancora Singo crossa forte in area per Brekalo che, completamente solo, non riesce in spaccata con il sinistro a deviare in rete. Certo è che la palla arrivava davvero a grandissima velocità e impattarla bene non era affatto semplice.

Al 71’ Escono Insigne e Zielinsky ed entrano Elmas e Mertens. A Spalletti servono forze fresche: Mertens ed Elmas porteranno velocità ed imprevedibilità alla manovra. Insigne frustrato al momento della sostituzione. Insigne dopo l’errore dal dischetto non era più lui. Esce anche un Zielinski apparso leggermente in ombra: prova leggermente al di sotto della sufficienza; da un giocatore come lui ci si attende sicuramente di più.

La partita adesso è rallentata di ritmo: gli azzurri appaiono meno brillanti, forse anche frustrati da un vantaggio sfiorato a più riprese e dal rigore sbagliato e dal gol annullato Il Torino dunque cerca di approfittarne per colpire in questo finale di gara.

Al 75’ Bravissimo ancora Osimhen che salta prima Bremer e poi Pobega: il centrocampista ex Spezia lo atterra, e il sig. Sacchi lo inserisce nella lista dei cattivi: Ammonito!

Al 76’ Grandissimo spunto di Ola Aina: il numero 33 del Toro cerca con un doppio passo di dribblare la pressione avversaria e tenta il tiro di sinistro: la palla però è murata dai partenopei.

Al 77’ Anguissa dimostra ancora una volta grande capacità nel dribbling e nel controllo palla: si libera infatti di Singo che lo atterra con veemenza. Punizione per gli azzurri.

Al 78’ Ammonizione per K. KOULIBALY (NAPOLI). Nel duello con Belotti calcia la palla in contemporanea con il Gallo. A dire il vero è parsa eccessiva la decisione del sig. Sacchi. Punizione Torino. Sale la tensione nella gara: Spalletti invita alla calma ai suoi. Non vuole che il Napoli perda la testa in questo rush finale!

All’81’ Finalmente il Napoli passa! Dopo una bellissima azione targata Osimhen - Mertens - Koulibaly - Elmas nello stretto, Mertens cerca di calciare in porta e, sugli sviluppi di un rimpallo, la palla si impenna proprio sulla testa di Osimhen che con freddezza stacca e punisce Milinkovic! NAPOLI 1 TORINO 0

All’84’ Punizione per il Toro da posizione pericolosa: sul punto di battuta c'è Lukic.

All’85’ Ammonizione per A. ZAMBO ANGUISSA (NAPOLI per fallo su Singo: il laterale ivoriano salta nettamente il camerunense che non può fare altro che atterrarlo. Punizione per il Toro.

Adesso il Napoli arretra leggermente il baricentro: la fine si avvicina e vuole difendere con le unghie e con i denti il preziosissimo vantaggio.

All’87’ Il direttore di gara ferma il gioco: testata tra Kone e Osimhen. I due restano a terra doloranti. Entra lo staff medico del Napoli a soccorrere Osimhen: pare non sia nulla di grave né per lui né per Kone

All’89’ Conclusione sbilenca di Pobega: uno-due fra lui e Belotti ma in equilibrio precario con il sinistro calcia debolmente tra le mani di Ospina.

Al 90’ Sostituzione TORINO: entra M. WARMING (70), esce B. KONE (25). Sostituzione NAPOLI: entra G. JUAN JESUS (5), esce H. LOZANO (11). Curiosità: entrambi erano entrati nel secondo tempo per sostituire altri due.

L’arbitro assegna 6’ di recupero

Al 92’ Anguissa trattiene Pobega dopo aver perso il pallone: il Napoli ha mal gestito questa uscita palla al piede e regala una punizione pericolosa al Toro.

Il Napoli si difende ad oltranza. Vuole portare la vittoria a casa. Al 96’ calcio d’angolo per il Toro che l’arbitro non fa battere per esaurimento del recupero. Belotti protesta con l’arbitro e viene ammonito.

Il Napoli batte 1-0 il Torino alla fine di una gara difficile, molto combattuta! Juric è un cattivo cliente e già col Verona lo aveva dimostrato. Un ottimo allenatore che sa dare un gioco alle sue squadre.

Gli azzurri hanno comandato il gioco per tutto l'arco dei 96', ma contro un Torino che ha davvero venduto cara la pelle! La squadra allenata da Juric ha mantenuto un'intensità di gioco notevole, respingendo gli attacchi del Napoli e lottando su ogni palla vagante. Nonostante la mole di gioco importante creata dal Napoli, il risultato non gli rende giustizia. Se quel rigore di Insigne fosse entrato, il risultato avrebbe potuto essere più altisonante, ma in definitiva è giusto così. Il Torino ha tenuto gli azzurri sempre sulle spine e poteva anche segnare. Il migliore della serata è stato sicuramente Osimhen non solo per la rete decisiva, ma anche perché ha lottato come un forsennato per tutta la gara, facendo a sportellate con Bremer, Singo e company e aprendo spazi per gli inserimenti dei terzini e degli esterni.

Anche Di Lorenzo è stato uno dei migliori, come pure e sempre un Anguissa padrone del centrocampo.

Da parte torinese Singo, Aina e Brekalo hanno confermato i ritmi della prima frazione di gioco ma non sono stati in grado di contenere l'uragano azzurro nella fase finale del gioco. Il Napoli quindi conferma la vetta della classifica a punteggio pieno con ben 24 punti in classifica dopo 8 giornate. Il Toro resta, con l'amaro in bocca, al 12esimo posto a quota 8 punti, ma per quello che abbiamo visto si porterà presto in posizioni di classifica più congeniali.

NAPOLI-TORINO 1-0 LE FORMAZIONI

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Rrhamani, Koulibaly, Mario Rui; Anguissa, Fabian Ruiz; Politano (st 14′ Lozano: st 44′ Juan Jesus)), Zielinski (st 26′ Elmas), Insigne (st 26′ Mertens); Osimhen. 

A DISPOSIZIONE: Meret, Marfella, Demme, Ghoulam, Petagna, Zanoli, Lobotka. 

ALLENATORE: Spalletti.

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Djidji, Bremer, Rodriguez (st 21′ Buongiorno); Singo, Lukic, Mandragora (pt 8′ Kone: st 44′ Warming), Aina; Linetty (st 21′ Pobega), Brekalo; Sanabria (st 21′ Belotti). 

A DISPOSIZIONE: Berisha, Izzo, Zima, Zaza, Baselli, Ansaldi, Vojvoda. 

ALLENATORE: Juric.

ARBITRO: Sacchi di Macerata

ASSISTENTI: Prenna e Zingarelli;

IV UOMO: Santoro;

VAR: Di Bello;

AVAR: Tolfo

RETI: st 36′ Osimhen (N)

AMMONITI: pt 37′ Rodriguez (T), st 10′ Linetty (T), 30′ Pobega (T), 34′ Koulibaly (N), 40′ Anguissa (N), 51′ Milinkovic-Savic (T)

CLASSIFICA 

Napoli 24
Milan 22
Inter 17
Roma 15*
Lazio 14
Atalanta 14
Fiorentina 12*
Bologna 12
Juventus 11*
Udinese 9
Empoli 9
Torino 8
Verona 8
Sassuolo 8
Spezia 7
Sampdoria 6
Genoa 6
Cagliari 6
Venezia 5*
Salernitana 4

* Una partita in meno