ASPRINIO D'AVERSA

Ottimo per le festività natalizie: costo 13 euro
letto 1841 volte
asprinio-di-aversa-bianco.jpg

Per alcuni settori del vino sembra tutto un po’dettato dalla moda. Non è colpa delle cantine ma dei consumatori. Quando si parla di bianco vivace sembriamo fermi agli anni ’80 con il “prosecchino” che accompagna l’aperitivo. Ci sono prodotti di gran pregio che, senza motivo, vengono di rado presi in considerazione. La Campania si sta muovendo molto bene sulla spumantizzazione di vitigni tipici. E’ finalmente possibile trovare in commercio prodotti come uno spumante di greco di tufo ,falanghina o fiano.

Un buon esempio sono i più noti Dubl di Feudi di S.Gregorio . Ottima idea sarebbe però cominciare a riscoprire il gusto di un vitigno antico e bistrattato : L’Asprinio D’Aversa. . Racchiude in se tutta la forza della storia. E’ bellissimo scoprire come viene coltivato. Il metodo si chiama ad Alberata. Le uve si appoggiano, nello sviluppo verticale, agli alberi . Immaginate le viti avvinghiate a pioppi altissimi ed il panorama morbido delle colline del casertano come cornice. Molto suggestivo. La raccolta manuale delle uve avviene attraverso cesti da 20 chili su scale costruite ad hoc per arrampicarsi fino a 15 metri di altezza. Ecco da dove nasce l’Asprinio. Esempio unico di amore per il vino e per la tradizione. Tra le varie espressioni dell’Asprinio d’Aversa ci fermiamo a considerare L’Asprinio d’Aversa D.O.C. , Spumante Metodo Classico , Extra Brut della Cantina Grotta del Sole. Quest’azienda , nata nell’89 , ed ubicata a Quarto è solida e affidabile. Tutte le bottiglie hanno un rapporto qualità prezzo invidiabile.

Il suo Spumante extra brut è semplicemente buono. In degustazione , all’esame visivo , risulta giallo paglierino con bollicine regolari e piuttosto sottili. All’olfatto subito colpiscono sentori minerali e profumi agrumati , leggere note di lievito accompagnano il naso. Al gusto si ritrovano ancora il lievito e la crosta di pane , degli agrumi si scopre il sentore di cedro. Risulta morbido e pieno. La sua freschezza e le bollicine lasciano il palato pulito ma persistente nel gusto. E’ottimo per un aperitivo.  Non è solo orgoglio campano , è premiare noi stessi con la qualità . Ottimo sul pesce crudo , che sia sushi o semplici frutti di mare. Perché no su canocchie appena aperte con qualche goccia di limone e a tutto pasto sulla tavola di capodanno. In fondo sono circa 13 euro davvero ben spesi.

Sara Marte