ANGRI, NASCE L'ASSOCIAZIONE "OSTERIE TIPICHE", "IN VINO VERITAS, IN CIBO GAUDIUM"

letto 1946 volte
la-cantina.jpg

(Nella foto "La Cantina"). Fin dai tempi più remoti l’alimentazione viene ad essere identificata non solo un bisogno ma soprattutto un piacere che si identifica in una vera arte; sfida i secoli giungendo nel terzo millennio con un’iniziativa sui generis che rappresenta una vera opportunità di fare impresa.

Da questo mix di sentimenti nasce l’associazione  “Osterie Tipiche” il nuovo network di piccoli ristoratori che assurgono alla sinergia come antidoto per affrontare la crisi.

In un momento difficile di mercato  cinque ristoratori dell’agro nocerino sarnese,  Luigi D’amaro di “Osteria De’ Goti”, Gianluigi Esposito di “ Vico do’ Vattariello”, Antonio Orlando di a “Taverna Mast’Aniello” , Gerardo Scarpato de’ “ La Bettola” ed Antonio de’” Il Forchettone”, capitanati da un energico coach il dott. Agostino Ingenito, accorsato giornalista eno-gastronomico, hanno ritenuto  che per vincere le logiche di un mercato sempre più povero ma assai competitivo bisogna necessariamente: “fare mercato”! La scelta di unirsi in una squadra vincente che ha per nome “OSTERIE TIPICHE” farà sicuramente la differenza.

Mercoledì 19 Febbraio 2014 alle ore 10:00 presso la sede di “UNIMPRESA” ora anche sede della neo costituita Associazione, sita in Via. Maddalena Caputo 12 , della città di  Angri (Sa), sarà presentato alla stampa il progetto “OSTERIE TIPICHE” .La SV è invitata a partecipare.

 Si festeggerà la sua overture la sera del 26 Febbraio presso una delle taverne associate, a “Taverna e Mast’Aniello” di Antonio Orlando in occasione del 3°Anniversario della stessa osteria ospitante.

Il progetto vuole essere un’occasione per realizzare un circuito virtuoso di “Business exchange Business”  capace di realizzare una piccola community dove sarà possibile minimizzare  i costi offrendo alla clientela prodotti di eccellenza, tipicità con proprietà organolettiche e nutrizionali di alto pregio a prezzi assai contenuti. Uno delle carte vincenti per favorire una politica low coast senza far perdere la qualità ai prodotti serviti in tavola e la loro abbondanza, sarà il prodotto a chilometro zero e la realizzazione del GAS(Gruppo di Acquisto Solidale) dove i fornitori saranno i diretti produttori senza passare per la GDO(Grande Distribuzione Organizzata) che sta ammazzando le tipicità perché vieppiù standardizza sapori e prodotti affinchè siano universalmente fruibili su larga scala.

Alla base si questo nuovo modus operandi ci sarà il connubio tra “Saperi e Sapori” ; punto di forza dell’organizzazione sarà la parteciperanno attiva esperti della nutrizione per offrire ai gastronauti sempre più esigenti, informazioni salutistiche e nutrizionali promuovendo attraverso il circuito di “OSTERIE TIPICHE” anche cucine alternative come quella Gluten Free o quelle a basso contenuto di sale e di grassi senza mai tradire la “DIETA MEDITERRANEA” ormai cavallo di battaglia del Made in Italy nel mondo. L’iniziativa ha un forte valore sociale perché vuole conferire la stessa dignità a chi ha necessità di dover alimentarsi con una cucina alternativa ma non per questo ghettizzato e costretto a perdersi momenti di alta convivialità e di aggregazione.

Il concept di questo nuovo modo di pensare la ristorazione va verso il rispetto dei prodotti biolocalizzati e della biodiversità esaltando le tipicità legate al territorio nel rispetto dell’ambiente e della tradizione.

Noi vogliamo emozionare- ci dice il Presidente Agostino Ingenito- e raccontare una storia attraverso le nostre pietanze per poter lasciare ai convenuti cose da raccontare, fatti, storie e personaggi che hanno reso grande la cucina tradizionale come Mast’Aniello, un falegname che era conosciuto più per l’arte culinaria che per quella ebanistica. Osterie Tipiche  coinvolge tutti i cinque sensi , l’olfatto perché si respirano profumi intrisi di tradizione, il gusto che evoca ricordi passati ma ancora attuali, il tatto per l’ancestrale bisogno di manipolare il piacere , la vista per la coordinazione dei nostri locali e l’udito perché ogni piatto va raccontato, senza mai trascurare ciò che il cliente desidera; viene  aggiunto un nuovo senso il sesto, che rappresenta il senso della comunicabilità, del dare informazioni giuste e salutistiche. L’associazione nasce allo scopo di coordinare e promuovere la rete delle osterie tipiche italiane. Eccellenze del settore enogastronomico le osterie tipiche garantiscono la fruizione e la degustazione di piatti elaborati secondo gusto e tradizioni locali che rendono l’Italia un riferimento di richiamo mondiale. L’obiettivo è valorizzare e difendere la cucina tipica locale, garantendo al consumatore le eccellenze della filiera agro alimentare a chilometro zero e l’esaltazione dell’estro e creatività dei nostri osti, autentici testimoni della tipicità e tradizione ma al tempo stesso capaci innovatori di qualità. Tra gli obiettivi : la tutela delle osterie tipiche, aggiornamenti professionali e qualificazione del settore. Tra i progetti messi in campo: la promozione e valorizzazione delle osterie storiche e la realizzazione di un disciplinare condiviso oltre che maggiore interazione nel web ed orientamento del consumatore verso osterie che rispondono a parametri di qualità certificata. salutistiche e nutrizionali per meglio vivere l’alimentazione”.

L’Associazione avrà una carta vincente per fronteggiare la crisi, tutti gli associati si stringono attorno ad un’organizzazione perfetta che lavora per tutti con un unico marketing che favorisce contenuti costi di consulenza e pubblicità, acquisti consapevoli e solidali, unica direzione artistica, unica immagine coordinata senza far perdere l’individualità di ogni associato ma che favorisce l’identificazione in una squadra di lavoro, pubbliche relazioni  che favoriscono la diffusione di eventi ed informazioni, la realizzazione di un social network “OT” che favorisce la diffusione di convenzione sconti eventi ed informazioni.

Per la  serata del 26 febbraio, dove si festeggerà la nascita dell’associazione sarà di scena  per allietare gli animi dei convenuti, la simpatia di Nello Iorio direttamente da  “Made in Sud” con il suo divertentissimo personaggio “IL NONNO MODERNO” che divertirà i convenuti mentre verrà esaltata la cucina tipica tradizionale.

Uno speciale ringraziamento alle aziende che hanno voluto significare la loro vicinanza all’iniziativa e che hanno concorso alla realizzazione di momenti di incontro e confronto. Di esse va ricordato il valore che hanno dato con la loro crescita al territorio divenendo loro stesse strumenti di marketing territoriale. Tra queste ricordiamo:

-la MSC CROCIERE che ha portato lo stile e l’accoglienza  marittima partenopea  nel mondo;

-Acqua Acetosella, che ha restituito alle nuove generazioni una delle acque di Plinio il Vecchio molto amata e preziosa;

-ROSA DI PALMA.COM  giovanissima imprenditrice che ha sviluppato il web-marketing e l’e-commerce per vendere nel mondo preziosità artigianali del nostro territorio;

-CONSILIA SOOC COOP di Roma che è la massima espressione di cooperazione nel campo delle certificazioni tanto da meritare la designazione di società di riferimento consulenziale anche per Osterie Tipiche

-CAFFE’ CASTORINO, torrefazione salernitana che ha puntato sul caffè biologico diventando il fiore all’occhiello delle imprese salernitane;  

-birrificio IL CHIOSTRO di Nocera Inferiore (Sa) conosciutissima in tutta Italia e nel mondo per le sue produzioni artigianali su ricette di abazie antiche;

-ORLANDO COLORI, di Santa Maria La Carità (Na) colorificio sui generis che è diventato in poco tempo il punto di riferimento di tutti gli artigiani del territorio per aver sperimentato il mutuo soccorso per gli artigiani e il Busines exchange Business;

-AZ. VINICOLA SORRENTINO di Boscotrecase (Na) azienda leader dei Vini del Vesuvio tanto da meritare riconoscimenti al Vinitaly massima espressione enologica italiana;

-SOA QUADRIFOGLIO spa  di Roma organismo di attestazione che quotidianamente è vicina alle imprese Edili affinchè si possa realizzare la loro crescita favorendo opportunità nel settore dei lavori pubblici;

-BMCE-(Business Management Consulting Engineering) di Scafati (Sa) che ha realizzato la figura del riferimento unica per le Imprese offrendo ad esse attività di  global consulting e problem solving, distinguendosi dai proprio competitors per la qualità dello staff tecnico e per i partner , migliori enti di certificazione ed attestazione italiani;

-DAEDALUS di Vietri Sul Mare (Sa), di Nicola Campanile, sempio tipico di prodotto biolocalizzato no food, azienda leader nel suo settore appartenente all’Associazione ENTE Ceramica Vietrese che ha portato la Ceramica Vietrese nel mondo;

-PASTIFICIO DI MARTINO di Gragnano (NA) che rappresenta la tradizione degli antichi pastifici di Gragnano;

-DORELLA OLIO di Oleificio Candela srl di Castellammare di Stabia(Na)  esemplare esempio di eccellenza territoriale;

-AZ. VINICOLA COLLI DI CASTELFRANCI di Avellino esempio di vincente imprenditoria giovanile;

-WWF che da anni si batte per il rispetto della BIODIVERSITA’;

-Ass.ne BIOENERMAN che da anni si batte per il rispetto dei prodotti BIOLOCALIZZATI e della nutrizione ed alimentazione alternativa;

-Salumi VALTIDONE di Rovescala (PV) che ha voluto essere esempio di azienda del nord bene integrata nel tessuto imprenditoriale e commerciale del nostro territorio.

Tutto pronto per la Conferenza Stampa che si terrà Mercoledì 19 Febbraio  presso la sede di “UNIMPRESA” in Via. Maddalena Caputo 12 , della città di  Angri (Sa), giorno in cui sarà presentato alla stampa il progetto “OSTERIE TIPICHE” .