Scafati: DIETRO IL CARNEVALE C'E' UNA CAMPAGNA ELETTORALE

A breve la linea del partito del Campanile in attesa degli esiti delle vicende giudiziarie di Ceppaloni
letto 1233 volte
antoniomariniello[1].gif
Coriandoli, maschere e carri allegorici. Gioie per i più piccoli, diversivi per i ragazzi, parentesi colorata che non riuscirà a distogliere i politici dalla campagna elettorale. Nemmeno il carnevale fa dimenticare la protagonista indiscussa di questi giorni: la notizia politica. Perché ufficiosa o ufficiale che sia a Scafati non si fa altro che voler sapere, voler supporre in vista delle prossime amministrative...

 In vista, soprattutto, di novità annunciate ma non ancora dichiarate. Infatti a giorni il vicesindaco Antonio Mariniello dovrebbe rendere nota la posizione del partito del Campanile. Partito della maggioranza retta dal sindaco Francesco Bottoni, che travolto dalla bufera giudiziaria di Ceppaloni ha dovuto temporeggiare prima di decidere in merito. Il leader Mariniello giorni fa faceva sapere di <<dover aspettare l’esito del Riesame che deciderà sull’assessore Luigi Nocera attualmente agli arresti domiciliari>>. E oggi che Nocera, assessore regionale e anche segretario provinciale del partito, con il quale gli udeurrini scafatesi avrebbero dovuto decidere in merito alle elezioni, è ancora agli arresti domiciliari, a differenza della signora Lonardo Mastella, Mariniello dovrà decidere di conseguenza. Il vicesindaco presto risolverà l’arcano e farà sapere se il partito del Campanile, che prima della bufera giudiziaria ha colloquiato a lungo e ben volentieri col Presidente della Scafatese Corrado Scarlato, intenzionato a candidarsi alla poltrona di sindaco, sosterrà il primo cittadino Bottoni. Che dal canto suo gode, almeno per il momento, dell’ appoggio di Giuseppe Chirico e Francesco Mainardi, assessore e consigliere espressione dello Sdi e di un silenzioso supporto della Margherita. Perché seppur voci vogliono i diellini pronti a sostenere Bottoni, nessun petalo ha mai confermato tale ipotesi, né, forse strategicamente, smentito. E mentre Michele Raviotta capogruppo di Italia dei Valori, altro partito di maggioranza ha detto di far conoscere a tutti la posizione dei dipietristi dopo il 10 di questo mese, i Verdi discutono con partiti maggiori valutando in silenzio. Forse proprio con l’unico candidato sindaco che è già partito, alla luce del sole, con la campagna elettorale: Peppe Vitiello, candidato proposto dai diessini intenzionati a supportare colui che, secondo loro, riuscirà a unire il più possibile il centrosinistra. Ardua impresa, visto le innumerevoli spaccature nel centro sinistra, sotto gli occhi di tutti quella tra i Ds e Margherita, impegnati sulla carta nella nascita del Pd, ma nei fatti a percorrere strade diverse. E mentre la sinistra è spaccata, il centrodestra sembra essere più unito. Il nome del candidato unico dovrebbe essere quello del forzista Pasquale Aliberti, ma le espressioni della Cdl temporeggiando lasciano sospetti.  Carmen Cretoso