SCENDO IN CAMPO CON ALLEANZA POPOLARE: CI SONO ANCHE IO…

letto 235 volte
57154145-10216996890667944-5479216661431058432-n.jpg

Francesca Cutino non è solo una eclettica scrittrice e giornalista, ma è anche una donna, mamma di due gemelli, che si occupa del sociale, ambiente e cultura, e per questo ha deciso di candidarsi alle prossime amministrative a Scafati, nella lista Alleanza Popolare a sostegno del candidato Sindaco, dott.Antonio Fogliame, persona di indiscussa moralità. A lei chiediamo le motivazioni di questa candidatura:

‘Alleanza popolare’. Il nome della lista alla quale appartengo la dice lunga.

C’è proprio bisogno di un’alleanza tra tutti noi cittadini per risollevare la città di Scafati dal baratro in cui è precipitata dopo due anni di gestione commissariale. E c’è bisogno di un’alleanza di idee e di forze per far sì che questo avvenga al più presto.

Ho scelto di candidarmi al consiglio comunale per due motivi. 
Una scelta di #dignità e una scelta #politica.

La scelta di #dignità. Il mio percorso lavorativo nel giornalismo e poi negli uffici stampa ha fatto maturare in me, negli anni, un forte senso civico, un sentimento di giustizia e di verità che guida le mie scelte, ogni giorno. Dalle grandi alle piccole cose c’è una domanda che riecheggia puntuale nella mia testa: “Quanto vale la mia dignità?” e la risposta è sempre la stessa: “Tutto!”. La stessa domanda me la sono posta quando si è trattato di tirare le somme sulla mia discesa in campo in questa tornata elettorale. 
Anche questa volta ho scelto la ‘dignità’, ho scelto quella parte politica che mi rappresenta da sempre, ho scelto un candidato sindaco, il dott. Antonio Fogliame, uomo e professionista di grande levatura morale, ho scelto di rivendicare tutte le cose buone realizzate dalla precedente amministrazione fino al 2016, ho scelto di dire alla gente che quella Scafati lì, è la Scafati che riavremo e che miglioreremo ancora. E sempre di ‘dignità’ si tratta quando da mamma di due gemelli coltivo il sogno di una città pulita, accogliente e a misura di bambino. E ancora di ‘dignità’ si tratta quando nei miei libri racconto la Scafati annientata da un mostro silenzioso che uccide e devasta intere famiglie, il fiume Sarno. E infine di ‘dignità’ si tratta quando difendere le tue idee e tramutarle in azione diventa più importante di qualsiasi risultato. 
La mia ‘dignità’ vale tutto!

La scelta #politica. Ho sempre creduto che per affrontare qualsiasi sfida, anche la più piccola e insignificante, fosse indispensabile conoscere a fondo l’oggetto della contesa. Quando ho scelto di candidarmi ero consapevole di non essere un’improvvisata della politica, ma di aver vissuto e respirato da molto vicino la politica scafatese degli ultimi dieci anni, prima come ufficio stampa al Comune di Scafati per quasi due mandati, accanto ad un grande uomo e politico, l'ex sindaco Pasquale Aliberti e poi in Regione Campania con il consigliere Monica Paolino. Due esperienze che mi hanno formato come persona e come professionista, ma che rappresentano un bagaglio prezioso di cui vado fiera. Lo stesso bagaglio che porterò in questa nuova, grande avventura che mi aspetta e che ci aspetta per #ritornaregrandi.

Con dignità ma soprattutto con una grande determinazione.