SCAFATI, SINDACO DA' SINDACO TOGLIE: VIA LE DELEGHE AI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA CHE HANNO VOTATO NO

letto 71 volte
3-grimaldi.jpg

Ve li ricordate gli 8 consiglieri delegati del Comune di Scafati? Ecco, da oggi sono rimasti in 5. Vi chiederete giustamente che fine hanno fatto gli altri 3. Ebbene: no, non sono scomparsi, come Laura Palmer.

Il mistero in questo caso è presto svelato.
Il Sindaco di Scafati ha ritirato loro le deleghe perché hanno votato No alla sua proposta di affidare la riscossione coattiva dei tributi alla ex Equitalia. Il Sindaco dà, il Sindaco toglie.
Ma a questo punto sorge più di un dubbio: i consiglieri in questione sono competenti ed utili alla collettività nelle rispettive materie in base a come votano in Consiglio? Se le deleghe sono state ritirate come punizione per un voto, erano quindi state conferite come premio e/o merce di scambio? I consiglieri di maggioranza ai quali è stata assegnata una delega non sono più liberi di votare? E infine, può la macchina amministrativa funzionare a giorni alterni e assi variabili in base agli umori politici del Sindaco?