EMERGENZA CORONAVIRUS, ERMANNO RUSSO (F.I.): "TAVOLO PERMANENTE CON CONSIGLIO REGIONALE"

letto 143 volte
11-ermanno-russo-fi-vice-pres-cons-reg-campania.jpg

"Partiamo in ritardo ma va tenuto in piedi, da questo momento in poi, un tavolo permanente di confronto e collaborazione tra Giunta e Consiglio, dove i consiglieri pongono le questioni che raccolgono sui territori dai cittadini e il governo regionale risponde in tempo reale". Lo ha dichiara Ermanno Russo, vicepresidente di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania, a margine della Conferenza dei Capigruppo, allargata ai componenti dell'Ufficio di Presidenza, tenutasi questa mattina in via telematica.

"Apprezziamo la disponibilità del vicepresidente Bonavitacola ma restano inevasi alcuni interrogativi fondamentali. Il primo è quello relativo ai tamponi. Quanti ne abbiamo deciso di farne come Regione Campania? Ci giungono notizie di tamponi fermi all'Ospedale San Paolo di Napoli da quasi una settimana. Mancano le risposte. E pare che lì vi siano anche molti dei tamponi effettuati da medici ed operatori, che ad oggi sono ancora senza riscontro. Risponde al vero tutto questo?", ha chiesto il vicepresidente Russo nel corso della conferenza.

"Qualcuno poi ci dovrebbe spiegare a che punto sono le operazioni per il nuovo ospedale da campo da allestire nelle aree adiacenti all'Ospedale del Mare. Quanti posti saranno davvero attivati in questa nuova sede? E perché ad oggi non è stato preso in considerazione l'appello dell'ospedale religioso di Casoria? Qui addirittura la direzione del nosocomio ha rassegnato alla Regione la disponibilità dell'intera struttura per quest'emergenza, dal momento che le attività ambulatoriali sono sospese e il personale è in ferie forzate", ha aggiunto Russo. "La vicenda delle mascherine poi si sta rivelando kafkiana, comprendiamo che non dipende soltanto dalla Regione ma ci dite se gli operatori sono in grado o meno di difendersi dal contagio mentre sono in servizio?", ha chiesto al governo regionale  l'esponente azzurro".

"Inoltre, appare gravissima la tendenza, manifestatasi in più di qualche occasione, a confondere pazienti COVID e non COVID. Appena qualche giorno fa al CTO di Napoli si è sventata un'operazione che andava proprio in questa direzione e che avrebbe procurato seri rischi agli operatori e agli utenti", evidenzia Russo. "A questi interrogativi devono corrispondere delle risposte da parte di chi assume le decisioni e deve prendersi anche l'onore di spiegarle a questo tavolo permanente con il Consiglio regionale", ha concluso Russo.