CARCERI, CIRIELLI (FdI): "SOLIDARIETA' AGLI AGENTI FERITI A SALERNO, CARTABIA NON IMITI BONAFEDE E POTENZI GLI ORGANICI"

letto 102 volte
19-cirielli01gg.jpg

L’ennesimo episodio di violenza verificatosi, nella serata di ieri, a Salerno, è la prova di quanto le carceri italiane siano diventate luoghi pericolosi per i detenuti deboli e per chi ci lavora, a partire dagli agenti della Polizia Penitenziaria”. Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera e deputato salernitano di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli: “Anche con l’arrivo del nuovo ministro della giustizia Marta Cartabia - com’era fino a poche settimane fa con il suo predecessore Alfonso Bonafede - si continuano a registrare gravi ritardi nella campagna vaccinale e nulla è cambiato neanche nelle politiche del Governo a tutela degli operatori penitenziari. E’ assolutamente indispensabile - sottolinea Cirielli - potenziare le dotazioni organiche degli agenti con lo scorrimento di tutte le graduatorie; abolire la vigilanza dinamica ed inasprire le pene per i detenuti violenti; stipulare nuovi  accordi internazionali facendo scontare la pena ai detenuti stranieri nei loro Paesi di origine per risolvere l’annoso problema del sovraffollamento delle celle. Si tratta di misure necessarie per ripristinare la legalità e la sicurezza all’interno delle carceri, che auspico vengano adottate in tempi rapidi dal ministro Cartabia, dal quale finora abbiamo sentito solo promesse e buoni propositi. Ai poliziotti penitenziari rimasti feriti a Salerno giunga la mia solidarietà e il sostegno di Fratelli d’Italia”.