SANT'ANTONIO ABATE, ELEZIONI, PRESSO L'AZIENDA AR SI E' SVOLTA LA TAVOLA ROTONDA SUGLI STATI GENERALI DEL SETTORE CONSERVIERO, VOLUTA DAL CANDIDATO SINDACO NICOLA MERCURIO

letto 2894 volte
3-foto2.jpg

Si è tenuto giovedì presso l’azienda AR la tavola rotonda sugli stati generali del settore conserviero a Sant’Antonio Abate, voluta dal candidato sindaco Nicola Mercurio. Ha moderato il giornalista Carlo Avvisati, erano presenti il Sottosegretario di Stato alla Difesa Gioacchino Alfano e il candidato per le Europee Pasquale D’Acunzi.

Subentrato al padre Antonino Russo, il ‘re del pomodoro’, uomo del cambiamento che ha dato lustro e vero sviluppo al settore; Walter Russo ha ospitato gli attori protagonisti del settore conserviero di Sant’Antonio Abate nel centro direzionale del Gruppo AR. Alla guida del colosso conserviero da circa 4 mesi, Walter Russo ha chiamato a raccolta tutti i suoi dipendenti per un chiaro appoggio al progetto politico di Nicola Mercurio, che nella sua campagna elettorale non si sta sottraendo a nulla, tra dibattiti, tavole rotonde e porta a porta per stringere la mano a ogni abatese che vuole conoscerlo.

Mi sono fatto promotore di tale iniziativa – dichiara Mercurio - perché credo fermamente nelle azioni che l’amministrazione comunale può mettere in campo per favorire la rinascita del settore conserviero”.

Il massimo del suo sviluppo, il settore delle conserve del pomodoro lo ha visto a metà degli anni ’80. Dagli anni ’90 si è invece assistito ad una graduale flessione del mercato del circa 20%, con la chiusura negli ultimi 10 anni di più di 25 aziende. Il principale motivo della flessione sta nella mancata valorizzazione del prodotto che ha determinato una dequalificazione della forza lavoro, con una costante perdita occupazionale e una ricaduta sociale moto pesante. In tale scenario il gruppo Russo, sia nel passato che attualmente ha sempre svolto un ruolo di leadership. Il motivo dell’incontro, ribadisce Mercurio:

Nella necessità di riportare ad alti livelli la qualità e l’immagine del prodotto. Sono queste le operazioni che rimettono in moto l’economia, dovranno svilupparsi sinergie strategiche per garantire livelli occupazionale adeguati e crescenti, e dal punto di vista politico dovranno essere migliorati logistica e servizi. Per questo abbiamo voluto che all’appuntamento fossero presenti anche i candidati alle Europee, perché ci si impegni sinergicamente a sostenere l’intero comparto agro-alimentare del Sud Italia”.