ANGRI, TEATRO AL CASTELLO, LA RASSEGNA TEATRALE "ANGRI CITTA' D'ARTE" PROPONE IL 21° SPETTACOLO "CASA DI FRONTIERA" SUL PALCO DEL PICCOLO TEATRO DELLA PINACOTECA DALLA COMPAGNIA "VOX POPULI"

letto 834 volte
casa-di-frontiera-angri.jpg

Appuntamento numero 21 con la rassegna teatrale organizzata dall’assessorato alla Cultura retto dal vice sindaco dott. Giuseppe D’Ambrosio. Il Piccolo Teatro della Pinacoteca del Castello Doria, ospitera’ la commedia “Casa di frontiera” proposta dalla compagnia “VoxPopuli” di Portici (Na). Una commedia in due atti di Gianfelice Imparato per la regia di Roberto Nisci.  

Era il 1993: Umberto Bossi invitava i padani a ribellarsi ed a rivendicare la loro autonomia da Roma ladrona, a reclamare il loro diritto di tener lontani i meridionali dalle loro terre. E’ verso la fine dello stesso anno che Gianfelice Imparato matura l’idea di scrivere una commedia in cui, in un’Italia divisa dalla secessione, i meridionali residenti al nord vengono rinchiusi in dei territori isolati simili alle riserve degli indiani d’America. Nasce coś “Casa di frontiera”.

Dichiarazione Assessore Giuseppe D’Ambrosio

“Ancora una proposta di qualita’ quella che sara’ in scena sul palco della Pinacoteca. Una storia attuale, riproposta in chiave comica, con un testo ed un linguaggio interpretativo che conserva una sua attuale valenza. Il rapporto nord-sud, gli emigranti, i meridionali, la considerazione nei loro confronti che si e’ leggermente ammorbidita, non annullando i pregiudizi e i facili appunti oggi dirottati verso altre aree del sud del mondo e diversita’ in genere. La commedia “Casa di frontiera”, vuole essere la metafora, la chiave comica per parlare dei vari nord e sud, che possono essere confinati anche nello stretto spazio di ogni singola comunita’. Pregiudizi da cancellare con l’integrazione, il rispetto delle leggi, di uno stato che elargisce diritti e che impone doveri. il rispetto delle regole comuni che aprono alla civile convivenza.Come sempre vi aspetto numerosi”