Nocera Inferiore: SPORT VIOLENTO

Ultras costretti ancora agli arresti domiciliari
letto 2018 volte
Negata ancora la liberta' dagli arresti domiciliari ai tre ultras nocerini condannati dopo gli incidenti verificatosi durante la partita di calcio Casertana-Nocerina, disputata il 10 febbraio e valevole per il campionato di serie D. I suddetti ultras insieme ad altri due vennero arrestati e prelevati dalle loro abitazioni da uomini del comando di polizia di Nocera Inferiore,in concomitanza con...

uomini del reparto mobile di Caserta, all'alba del 12 febbraio con varie accuse tra cui aggressione a terzi e danneggiamenti dei servizi igienici dello stadio mosse dalla questura di Caserta.Alle ore 15 dello stesso giorno subiscono il processo per direttissima e nell'aula vengono proiettate le foto scattate dal reparto mobile di Caserta durante la partita, che confermano la presenza dei cinque imputati sugli spalti dello stadio Pinto di Caserta.Le condanne sentenziate alla fine del processo a seguito alle varie accuse sono: divieto di accesso a tutti gli stadi durante eventi sportivi ufficiali per la durata di cinque anni con obbligo di firma valida per tutti gli imputati; detenzione al carcere di Fuorni per un solo imputato fino a data da destinarsi; detenzione agli arresti domiciliari per tre imputati fino a data da destinarsi. Nel secondo processo svoltosi a Salerno mercoledì 27 febbraio,viene dichiarato lo stato di libertà per i tre ultras ai domiciliari,ma nella giornata di ieri vengono a sapere che la sentenza non è ancora valida per il tribunale di S.Maria Capua Vetere e sono costretti a restare ancora chiusi in casa,forse fino alla data del processo che si terra' il 9 marzo proprio a S.Maria Capua Vetere. I ragazzi condannati che aspettano la libertà da più di due settimane si lamentano per la poca chiarezza della situazione e per le accuse ricevute data l'insufficienza di prove che possano confermare la loro partecipazione agli incidenti verificatisi in quel di Caserta,parlano inoltre di uno stadio,il Pinto,non al passo con le vigenti norme di sicurezza negli stadi,privo anche dei servizi igienici di cui è stato denunciato il danneggiamento da parte dei tifosi nocerini;ora attendono solo la data dell'ennesimo processo e confidano nella bravura dei loro avvocati.  Vincenzo Ventura