DALLA QUALIFICAZIONE IN COPPA AL ROCAMBOLESCO PAREGGIO DI BARONISSI. L'ANGRI INIZIA UNA NUOVA SETTIMANAA DI LAVORO CHE PORTERA' ALLA DELICATA SFIDA DI DOMENICA CON IL PICCIOLA

Il presidente Limodio aspetta di poter incontrare i nuovi gestori dello stadio Novi, per definire tempi e modi per il ritorno a casa dei grigiorossi.
letto 575 volte
1-usangri2.jpg

Angri prima in campionato, qualificata ai quarti di coppa Campania. Un bilancio positivo per i grigiorossi ancora in attesa di poter giocare allo stadio Novi, dopo i lavori di riqualificazione. Da qualche giorno la struttura è stata affidata ad una associazione locale che gestirà l’impianto per i prossimi anni. Convenzione che sarà ufficializzata in questa settimana, mentre entro la fine del mese ci sarà il sopralluogo da parte della Lega per il nulla osta definitivo relativo al manto erboso sintetico. La mancanza del proprio stadio resta un problema nell’economia di un campionato, per una squadra che è stata costretta a fare di Tramonti la sua seconda casa. 

Il presidente Francesco Limodio si augura che insieme alla nuova gestione, si possa trovare un’intesa per consentire il ritorno a casa dei grigiorossi elaborando condizioni e parametri di utilizzo condivisi.

Come società Angri raccogliamo con molta positività l’affidamento della struttura, in quanto crediamo che la “United” ed in particolare la famiglia Criscuolo potranno migliorare l’impianto, rendendolo funzionale dopo tanti anni di caos e degrado. Noi restiamo in attesa di una telefonata da parte dei rappresentanti dell’associazione, per un incontro che possa attivare un successivo accordo che consenta di far sentire l’Angri a casa sua casa e non come una società ospite. In attesa facciamo i nostri migliori auguri per l’inizio della nuova gestione”.

 

 

--