IL NAPOLI PERDE 4-3 CON LA JUVENTUS PER UN’AUTORETE DI KOULIBALY AL 92’

letto 289 volte
lozano-segna-il-3-a-2.jpg

Qualcuno ha detto “Prima o poi tutto torna” e così è stato. Due anni fa Koulibaly diede la vittoria al Napoli in pieno recupero, stasera ha dato la vittoria alla Juventus in pieno recupero con un’autorete degna del miglior attaccante, dopo un pareggio su cui nessuno avrebbe giurato, dopo il 3-0.

Campionato pazzo o preparazione non ancora al top? La verità sta nel mezzo. Certo è che se la partita fosse terminata 3-3 il Napoli non avrebbe rubato niente per quello che si è visto nel primo e nel secondo tempo. Se il campionato sarà così, allora ci sarà da divertirsi.

Il Napoli prende troppi gol, 7 tra Fiorentina e Juve, ma nel complesso segna 7 reti nelle due partite. Ha vinto la squadra bianconera avendo sfruttato meglio le forze fresche nel primo tempo e gli errori del Napoli, soprattutto di Koulibaly, il quale non ha ancora recuperato le fatiche della Coppa d’Africa. Questa sicuramente è la spiegazione più veritiera. Il difensore azzurro, uno dei più forti al mondo, ha purtroppo favorito 3 reti juventine.

Nel secondo tempo, crollo verticale della Juve che ha dovuto subire la rimonta del Napoli. Una rimonta incredibile che ha visto gli azzurri più preparati fisicamente, Ma quella che poteva rivelarsi un prestazione positiva, alla fine per gli errori si è tramutata in una sconfitta dolorosa. Troppi errori degli azzurri e della difesa in particolare.

Qualche commentatore televisivo, come al solito, attacca ADL e Ancelotti, e purtroppo questi attacchi fanno presa su una certa parte del tifo. Da qui la disaffezione verso il Napoli (appena 10000 abbonamenti venduti). Attacchi ingenerosi che creano solo malumore tra i tifosi o pesudo tifosi.

Questi che parlano contro sono ex calciatori, opinionisti, giornalisti che pensano di saperne più del mister. Ah, com’è bello fare l’allenatore seduto davanti alla TV. Ma veniamo alla partita:

Le due squadre iniziano molto compassate, ma la prima occasione è al 4’ con un tiro di Ronaldo parato da Meret. E’ il primo pericolo per gli azzurri, ma il Napoli sfiora la rete al 14′ quando Szczesny dice no ad Allan con un super intervento sul tiro dal limite del brasiliano.

Al 15’ sul susseguente corner, ripartenza della Juve con Danilo che, appena entrato al posto dell’infortunato De Sciglio, riesce a concludere in gol su assist di Douglas Costa: 1-0 per la Juve. 

Dopo 4 minuti il gol di Higuain che raddoppia, bevendosi Koulibaly con una girata e controllo e tiro e fulmina il povero incolpevole Meret.

Il Napoli cerca di ragire ma al 30’ Higuain libera il tedesco Khedira che a pochi passi da Meret tira e già pregusta il terzo gol, ma Meret esce e devia in angolo.

Il Napoli subisce troppo e al 32' Ronaldo colpisce l'incrocio dei pali, con Meret fuori causa. Stranamente il Napoli fa acqua in difesa...eppure si è rinforzata con Manolas

Al 33′ Traversa Khedira: Gran tiro del tedesco che si gira al limite e trova l’incrocio dei pali

Al 36’ gran sinistro di Ghoulam di poco alto sulla traversa.

Al 42' buona occasione del Napoli, ma Insigne e Callejon non si capiscono e l'azione sfuma. Finisce il tempo col risultato di 2-0 per la Juve. 

La superiorità della Juve è stata evidente, ma la difesa del Napoli ha fatto acqua da tutte le parti.

Koulibaly non ha smaltito la coppa d'Africa.

Nel secondo tempo entrano Lozano e Mario Rui, escono Insigne e Ghoulam già ammonito.

Al 51’ tiro di Mertens a giro dal limite di poco fuori.

Il Napoli attacca, ma si espone anche ai contropiede della Juve che ha un’altra occasione con Matuidi al 54’ che tira improvvisamente ma Meret smanaccia in angolo.

Al 55' tiro di Mertens che Szekeny smanaccia fuori.

Il Napoli attacca, ma si espone anche alle ripartenze Juve e così, al 61’ terzo gol di Ronaldo, servito da Douglas Costa, con un tiro di sinistro chirurgico: 3-0 per la Juve.

Partita finita? Sembrerebbe di sì, ma il Napoli in attacco è pieno di sorprese e al 66′  Manolas svetta di testa sugli sviluppi di punizione e segna il 3-1.

Il Napoli continua ad attaccare e al 68’ Zielinsky suggerisce un bel passaggio a Lozano che segna da pochi passi e fa 3-2.

Il Napoli ce la può fare a pareggiare perché la Juve sembra sulle gambe. Entra Elmas per il Napoli. La Juve nei suoi attacchi sugli errori della difesa azzurra, coglie la traversa con Douglas Costa al 69’, con deviazione di Meret.

Al 75' fuori Higuain ed entra Dybala.

Al 77’per poco Lozano non pareggia su cross di Mario Rui. Ma il gol è solo rimandato. E infatti all’81’ deviazione vincente sugli sviluppi di una punizione di Di Lorenzo e il Napoli pareggia 3-3.

Nessuno poteva immaginare un crollo verticale della Juve, ma le sorprese non finiscono qui. In pieno recupero quello che non ti aspetti: e’ il 92’ e su una punizione di Pjanic Koulibaly devia il tiro di Pjanic nella propria porta, nulla da fare e 4-3 per la Juve. 

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny (5,5); De Sciglio (6) (dal 14′ Danilo 6,5), Bonucci (6), De Ligt (4,5),  Alex Sandro (6); Khedira (6,5) (dal 60′ Emre Can 5), Pjanic (6), Matuidi; Douglas Costa, Higuain (7) (dal 75′ Dybala 6), Ronaldo (6).  

ALLENATORE: Martusciello 7 

A DISPOSIZIONE: Pinsoglio, Buffon, Cuadrado, Mandzukic, Rugani, Rabiot, Demiral, Bentancur, Bernardeschi. 

NAPOLI (4-2-3-1): Meret (7); Di Lorenzo 6,5), Manolas (6), Koulibaly (4,5, Ghoulam (5) (Dal 46′ Mario Rui 6); Allan (6) (dal 74′ Elmas 6), Zielinski (6); Callejon (6,5), Fabian Ruiz (5), Insigne (5) (dal 46′ Lozano 7); Mertens 6.  

ALLENATORE: Ancelotti. 7 

A DISPOSIZIONE: Ospina, Karnezis, Malcuit, Verdi, Luperto, Maksimovic, Hysaj, Younes, Gaetano. 

RETI: 15 ′ Danilo, 19′ Higuain, 61′ Ronaldo, 66′ Manolas, 68′ Lozano, 81′ Di Lorenzo, 90+4′ autorete di Koulibaly