BUCCINO - SCAFATESE 0-0, PARTITA NON FACILE PER I CANARINI PER LE ASSENZE CONTRO UNA SQUADRA OSTICA

letto 65 volte
20-scafatesecalcio.jpg

Sul rognoso campo di Buccino, contro una squadra ostica e mai doma, una Scafatese decimata dalle molte assenze per infortunio porta a casa un punto importante, che potrà rivelarsi prezioso nel corso della stagione.

Subito grattacapi per Mister Angelo Teta che, oltre a Blasio, perde per infortunio anche Manzo, uscito nel primo tempo della scorsa stagione, Avino e Evacuo, quest'ultimo costretto a stringere i denti e chiamato almeno in panchina; il tecnico giallobleu, quindi, conferma il 4-3-3 inserendo Cherillo e Sorriso, ma nei primi minuti è il solito Palladino a tenere in piedi i suoi con degli interventi plastici e concreti che aiutano la Scafatese a non crollare e gli valgono forse la palma di migliore in campo. Sono tre infatti le parate dell'estremo difensore canarino, una più bella dell'altra, al 6' su Medaglia, al 7' su Malafronte e al 15' su Lordi, che fanno restare in gola l'urlo del gol agli uomini di Pietropinto, partiti a razzo. La Scafatese prova a rispondere con uno dei soliti schemi di casa Teta da calcio piazzato, ma al 31' è ancora il Buccino a sfiorare la rete con una conclusione di Iannone che sibila vicino al palo. Il primo tempo si chiude con un sussulto canarino quando Pergamena riesce a togliere in extremis dalle grinfie di Mascolo un pallone velenoso crossato da Cherillo, ma all'intervallo Teta perde anche Mannone, uscito dolorante, ed è costretto a mettere l'ennesima toppa alla sua squadra inserendo il comunque esperto Romano. Al 53' Mosca sfiora il vantaggio ospite mancando di poco l'appuntamento con il gol, ma pian piano il Buccino prende coraggio e inizia a costruire importanti palle gol, come la conclusione di Lordi imprecisa al minuto 55. Al 75' l'occasione più ghiotta per i padroni di casa, che non riescono da un metro a correggere la palla in rete, mentre al 77' il colpo di testa di Campione sbatte sulla traversa e Fernando manca il tap-in decisivo. Evacuo stringe i denti e prova a dare una mano in attacco, ma la Scafatese non riesce a creare quell'occasione che poteva valere i tre punti e una beffa enorme per il Buccino. Il triplice fischio finale del direttore di gara concede ai canarini il quarto punto in campionato, al termine di un match maschio e difficile.

Elogia la squadra rossonera ma non sminuisce il lavoro svolto dalla Scafatese il difensore centrale Raffaele Imparato:
"Una supremazia territoriale l'ha avuta il Buccino, una squadra difficile da affrontare, soprattutto su questo campo, però la cosa positiva è che non ci siamo mai disuniti e abbiamo dato una dimostrazione di compattezza, quindi per me è un buon punto. Siamo una squadra costruita per fare un campionato di vertice, ci sono sicuramente grandissimi margini di miglioramento".

È dello stesso avviso anche il tecnico Angelo Teta: "Sapevamo che non era facile, il Buccino è un'ottima squadra, potevamo e dovevamo fare noi qualcosa in più sul piano della qualità, sicuramente però non ho nulla da dire sul piano dell'impegno. Continuiamo a lavorare e guardiamo i lati positivi, come la quarta partita consecutiva senza subire reti".

BUCCINO: Pergamena, Maltempo 01, Fernando, Ciranna (89' Cozzolino 02), Detto, Casale (73' Doukourè), Malafronte 02 (90' Petagine), Lordi, Campione, Siano, Medaglia (78' Senatore)
A disposizione: Nappo 02, Murano 01, Sansone 01, Cozzolino 02, Turco 02, Doukourè, Senatore, Tipaldi, Petagine
All: Pietropinto

SCAFATESE: Palladino 03, Squillante 01, Gambardella, Iannini, Imparato, Mannone (45' Romano) De Sio, Sorriso (61' Manzo Vincenzo), Mosca, Mascolo, Cherillo (78' Evacuo)
A disposizione: Franza 02, Vecchione 02, Romano, Esposito 02, Falco, Avino, Manzo Vincenzo, Amendola, Evacuo.
All: Teta

Arbitro: Salvatore Carvelli di Crotone
Assistenti: Steven La Regina di Battipaglia e Riccardo Marcone di Nocera Inferiore
Note: Ammoniti: Lordi (B), Casale (B), Mannone (S), Iannini (S). Calci d'angolo 6-6