ROMA, "I COLORI DI KIEV" DELLA SCRITTRICE ANNA D'AURIA CONCORRE AL PREMIO STREGA POESIA

letto 385 volte
i-colori-di-kiev.jpg
Nella sede della Fondazione Bellonci ieri sono stati resi noti, alla presenza del Comitato scientifico, i libri proposti per la prima edizione del Premio Strega Poesia, un premio prestigioso. Il Premio Strega Poesia nasce per dare visibilità alle diverse esperienze di scrittura poetica, che meritano tutte ascolto e rappresentazione, segnalando la produzione italiana di più alta qualità letteraria e significato nel mondo contemporanee.
 
Le liriche contenute nella silloge rappresentano un esperimento coraggioso per ricostruire la dimensione emotiva di Olena, una giovane poetessa che invia lettere in versi all’amato, partigiano sul fronte di guerra ucraino.
 
La scrittrice-poetessa, Anna D’Auria, con un gioco di sdoppiamento narrativo, presta la sua penna alla voce della protagonista realizzando, dunque, un epistolario amoroso tra una lei e un lui divisi dall’odio della guerra.
 
L’equazione imprescindibile è quella codificata da Giuseppe Ungaretti, dolore-fratellanza. Nonostante l’ambientazione storica precisa, paradossalmente le poesie dal particolare si innalzano e assumono una valenza universale, quale strumento di fratellanza oltre le divisioni, le bandiere e gli interessi di parte: l’amore è di tutti, Ucraini e Russi.
 
Dedicato all’eroismo del popolo ucraino e a tutti gli innamorati divisi dall’odio della guerra.
 
Il libro contiene alcune immagini scattate da una fotoreporter ucraina in diverse città del Donbass, di cui oggi esiste solo il nome.
 
ANNA D'AURIA è una professoressa di Latino e Greco presso il liceo classico ''Plinio Seniore'' di Castellammare di Stabia. Fervida lettrice di romanzi a sfondo psicologico, nonché autrice di testi poetici e narrativi: ''La carezza dell'Èidolon del mare'' (settembre 2020); "Skià. Il volto di un'ombra sul cuore'' (dicembre 2020) (Skià. Il volto di un’ombra sul cuore : D’Auria, Anna: Amazon.it: Libri ), '''Mala Jin. Tulipani nel cemento'' (novembre 2021), edito da Albatros il Filo con prefazione dell'avv. Libera Cesino, pres. Ass. ''Libera dalla violenza'' e ''La rosa bianca di Izmir'' edito da Guida Editori (luglio 2022). Ha pubblicato anche una silloge poetica dal titolo "Anthea. I fiori della vita'' (settembre 2021) (Amazon.it: Anthea. I fiori della vita - D’Auria, Anna - Libri ). La sua passione per la scrittura è nata, in primis, dal bisogno di comunicare e di condividere la sua emotività che è una forma di introspezione interiore, ma anche di terapia dell'anima.
La sua produzione letteraria è contraddistinta da una particolare sensibilità verso gli ultimi, gli inermi, che non hanno voce per essere ascoltati, con il chiaro intento di scuotere le coscienze, di sensibilizzare i lettori su questioni sociali rilevanti. Il focus di Anna D'Auria si concentra su storie di riscatto e di resilienza considerate la vera chiave del cambiamento, come dichiarò recentemente all'emittente Cusano Tv, rilasciando un accorato appello per la pace e la tutela delle minoranze etniche.