Scafati: LA GIORNATA DEL RICORDO E DEL RINGRAZIAMENTO

La città ha ricordato la liberazione di Scafati dalle truppe tedesche. In piazza una lapide per onorare l'atto eroico di Michael Forrester
letto 1683 volte
28settembre2.jpg
Per la prima volta la città ricorda l’anniversario della sua liberazione dalla truppe tedesche con una manifestazione di grande spessore e di notevole levatura culturale. Un palco d’eccezione, una sfilata maestosa di veicoli militari e i concerti della Fanfara dell’associazione nazionale Bersaglieri di Chiaravalle Centrale e della...

City of Rome Pipe Band, hanno fatto da sfondo ad un evento che si ripeterà nel tempo, e che da quest’anno, grazie alla volontà del primo cittadino Pasquale Aliberti e all’organizzazione del consulente storico del Comune di Scafati Angelo Pesce, del capo del cerimoniale Liberino Sicignano e del consigliere comunale Antonio Fogliame, inaugura una nuova stagione per Scafati, fatta di storia, di ricordi e di testimonianze del passato. Protagonista indiscusso dell’evento, il generale di Divisione Michael Forrester, allora giovane tenente colonnello di battaglione che a soli 26 anni, con il suo intuito, risparmiò Scafati dalla distruzione totale. “Oggi – ha dichiarato il Sindaco dal pulpito – è la giornata dei ricordi e dei ringraziamenti. La città di Scafati ha una storia importante che le nuove generazioni devono conoscere. Questa amministrazione è intenzionata a valorizzare e promuovere le radici storiche del Comune di Scafati nell’ottica di una crescita della città e di una sua più ampia diffusione. La giornata storica del 28 settembre, sarà ricordata negli anni a venire con la medesima organizzazione e con la stessa partecipazione che oggi è visibile dai vostri volti>>. Presenti per l’occasione, unitamente al Sindaco di Angri, di Boscoreale e San Pietro Infine – città nominata più volte nell’opuscolo sulla Battaglia di Scafati che vede come autore Angelo Pesce – gli esponenti della famiglia Forrester nelle persone di Simon, Nick, Nicholas e James Forrester, nonché Denise e penny Patterson, l’Addetto militare dell’Ambasciata del regno Unito in Roma Colonnello Charles Darrel, il Segretario dell’Associazione del Queen’s Royal Surrey Regiment Tony Russel, il responsabile Relazioni Esterne del Consolato del Regno Unito in Napoli Gerardo Kaiser, il corrispondente da Roma del Times di Londra Richard Owen. Tra il pubblico, numerosi esponenti politici di maggioranza e opposizione. Un appuntamento dall’articolata organizzazione che ha visto rispondere in pieno la città. L’insieme di rievocazioni, che grazie alla parata della auto militari e la proiezione di un documentario sulla “Battaglia di Scafati”, hanno ripercorso la cultura storica di Scafati, non potranno che ripetersi in futuro, in un appuntamento che sarà arricchito da un Premio giornalistico istituito, su proposta del Sindaco di Scafati, per onorare i tre giornalisti deceduti in quella Battaglia. Grazie ad un militare di grande valore come Michael Forrester e alla memoria storica di Angelo Pesce, oggi, possiamo prendere coscienza e ad esempio quanto furono eroici i partigiani e gli scafatesi ai tempi della seconda guerra mondiale. Atti eroici, che oggi, sono scolpiti nella memoria collettiva e sulla lapide dedicata al generale Forrester apposta in piazza Vittorio Veneto. Francesca Cutino