SCAFATI, SICUREZZA, IL SINDACO ALIBERTI SCRIVE ALL'EAV: "PER I DISAGI DELLA CIRCUMVESUVIANA E PER LA SICUREZZA DEI PASSAGGI A LIVELLO INCUSTODITI INTERVENGA LA REGIONE"

Nella nota inviata ieri il primo cittadino segnala una serie di disservizi, chiedendo quali azioni siano state intraprese per mettere in sicurezza i passaggi a livello incustoditi dopo l'incontro tenutosi qualche giorno fa negli uffici dell'Ente Autonomo Volturno.
letto 164 volte
5-sicurezza1.jpg

Scafati (Sa), 21 febbraio 2024 Nella giornata di ieri il Sindaco Angelo Pasqualino Aliberti ha inviato una nota ufficiale all'Ente Autonomo Volturno rappresentando alcuni disservizi verificatisi all'altezza dei passaggi a livello presenti a Scafati, in via Berardinetti e in via Virgilio. Il malfunzionamento delle barriere, segnalato anche da decine di automobilisti, ha di fatto provocato un blocco della circolazione stradale, con innumerevoli disagi per i cittadini. 

“Ho inoltrato nella giornata di ieri una nota all'Eav - ha dichiarato il Sindaco Angelo Pasqualino Aliberti – comunicando i disservizi che da almeno dieci giorni continuano a verificarsi ai passaggi a livello di via Berardinetti e via Virgilio: il malfunzionamento delle barriere meccaniche poste a separazione delle due arterie con i binari del treno impediscono il passaggio delle autovetture, bloccando il traffico per lungo tempo. Ho chiesto, inoltre, quali fossero le azioni intraprese per mettere in sicurezza i passaggi a livello non custoditi del territorio, a seguito anche dell'incontro avuto presso la loro sede qualche giorno fa. Dopo la morte del cinquantenne e dopo dopo una serie di segnalazioni che evidenziano lo stato primordiale nel quale siamo costretti a vivere in tema di trasporti e la condizione in cui versano i treni della vesuviana, obsoleti e sporchi in particolare quelli della tratta Scafati - Poggiomarino, sarebbe opportuno, come abbiamo sottolineato anche al tavolo tecnico, di avviare gli interventi che ci sono stati proposti per mettere in sicurezza i passaggi a livello e le carrozze che ogni giorno ospitano viaggiatori, studenti e lavoratori”.