ASSUNZIONE AL COMUNE DI SCAFATI: POLEMICHE PER L'INCARICO DI SPECIALISTA DELLA COMUNICAZIONE

letto 217 volte
screenshot-20190408-145459-facebook.jpg

È polemica per la ‘Procedura selettiva per il conferimento dell’ incarico di istruttore direttivo, specialista in programmazione e trasparenza e comunicazione pubblicato con determina dirigenziale n.181 dell’8 agosto’ sull’albo pretorio del sito istituzionale del Comune di Scafati. Un incarico con posizione economica d1, ovvero quella che normalmente si attribuisce ad un un dirigente di alto profilo e di grande responsabilità.

A sollevare per primo i legittimi interrogativi è stato l’ex sindaco Pasquale Aliberti sulla sua pagina Facebook: “ Se il bando pubblicato per assumere un 110, una persona di alto profilo professionale è stato fatto per dare qualità al protocollo, alla comunicazione, alla trasparenza ci sembra una presa per i fondelli: il comune ha già un responsabile Anticorruzione. Tutti sanno - continua- che un 110 lo si sceglie in un settore strategico della macchina comunale, che serva per utilizzare i fondi europei, per realizzare nuove opere pubbliche, sicuramente non per garantire al proprio addetto stampa uno stipendio da Dirigente". In un clima critico come quello della città di Scafati, in ginocchio per il problema ambientale e per la mancanza di fondi necessari alla realizzazione di nuove opere, nonchè sotto sforzo anche per un banale intervento di manutenzione ordinaria (illuminazione, pulizia strade, etc...), il bando per la recluta di un esperto di comunicazione appare a dir poco fuori luogo. Un bando, che presta il fianco ad alcune critiche, anche per il periodo in cui è stato pubblicato. A ridosso di Ferragosto quanti ‘professionisti’ si accorgeranno dello stesso se l’amministrazione non provvederà a pubblicizzarlo a dovere?

Una polemica, quella lanciata da Aliberti, approvata questa volta da più parti: "Il primo pensiero di questa amministrazione è quello di indire un bando per la comunicazione, che alla fine serve per individuare un giornalista che gli curi le relazioni e la comunicazione. Perché alla fine questo è, quello che cercano e forse già hanno. Non credano di prenderci in giro, sarà l'ennesima cambiale elettorale da pagare? Altre sono già state pagate? Chi sono i componenti del collegio dei revisori di Acse?". - A parlare è il consigliere cinquestelle Sarconio - "Purtroppo invece di partire da una programmazione nei settori in cui la città ha bisogno di figure professionali, si parte dal bando per la comunicazione e la trasparenza, incredibile... Se c'era un minimo di credibilità la stanno già perdendo. Non si pagano le cambiali elettorali con i soldi pubblici, gli impegni presi in campagna elettorale o chi si è candidato non deve essere un costo a carico dei cittadini...chiediamo che venga ritirato il bando, siamo pronti ad una interrogazione in merito".

Sulla stessa scia Michele Grimaldi :"Nonostante il Sindaco sia in vacanza, questo agosto scafatese è davvero ricco di novità: avvisi pubblici, incarichi, bandi, concessioni edilizie. Nulla contro la celerità, ma magari quest'ansia da prestazione sarebbe stato giusto rivolgerla verso altre priorità: i cumuli di rifiuti per strada, la pubblica illuminazione spenta, gli sversamenti abusivi nel fiume Sarno e nei canali". Insomma, un caso che unisce la minoranza.