Scafati: IN ARRIVO GUARDIE E TUTORI AMBIENTALI

Affiancheranno la Polizia Municipale nelle attività di vigilanza e controllo territoriali 
letto 9526 volte
guardie_ambientali1.jpg
Questa mattina, Palazzo Mayer ha ospitato una conferenza stampa per presentare la convenzione stipulata con le Guardie Ambientali e l’Anta (Associazione nazionale per la tutela dell’ambiente) al fine di affiancare la Polizia Municipale nelle attività piuttosto impegnative di sorveglianza e tutela ambientali. Presente all’incontro, una numerosa rappresentanza di coloro che...

svolgeranno tali operazioni cercando di sensibilizzare maggiormente i cittadini al corretto sversamento dei rifiuti differenziati nel rispetto degli orari, dei giorni e siti prestabiliti. Non solo, questi stessi avranno il compito di vigilare nelle strade immediatamente adiacenti alle scuole allo scopo di gestire ordinatamente il traffico veicolare e assicurare agli scolari un rientro a casa più sicuro. Inoltre, guardie e tutori ambientali saranno utilizzati anche per manifestazioni culturali e sportive, a partire dal fine settimana in arrivo quando potremo già incontrarli nei pressi della Fiera di Scafati.  “Il Pacchetto Sicurezza ha messo in risalto le difficoltà della Polizia Municipale nel riuscire a controllare in modo soddisfacente l’intero territorio cittadino. Il pagamento degli straordinari dovuti loro per tali attività cominciava a gravare non poco sul bilancio comunale, ecco perché abbiamo pensato a un supporto che s’identificasse in personale qualificato (tra cui anche qualche Carabiniere in pensione) e snellisse il lavoro dei poliziotti municipali”. Questa la spiegazione data dall’assessore all’ambiente Cristoforo Salvati e dal sindaco Pasquale Aliberti. La convenzione, costata 24.000,00 €, ha una durata annuale e prevede l’impiego di 15 operatori dell’Anta e 30 Guardie Ambientali, il cui intervento partirà già nei prossimi giorni con un’iniziale fase di sensibilizzazione al rispetto delle norme (tramite distribuzione di materiale informativo, ecc.) per poi proseguire con azioni repressive e sanzioni salate nei casi più recidivi. Soddisfatti e grati all’amministrazione comunale, il presidente e il direttore generale dell’Acse Spa, rispettivamente Aniello Longobardi e Salvatore De Vivo. Il primo ha dichiarato: “Già Scafati è una città ad alto rischio ambientale a causa del Fiume Sarno, tentiamo di renderla più vivibile almeno per quanto concerne la questione rifiuti. Purtroppo, ancora, e soprattutto in periferia, le persone non fanno la raccolta differenziata dell’immondizia o non sversano quest’ultima in modo corretto rispettando i tempi, gli spazi e le tipologie previste. L’obiettivo della convenzione sottoscritta è sicuramente quello di innalzare la coscienza civica in tema ambientale”. Rossella Varone Photo&Photo by Pino Izzo Piazza V.Veneto - 10, 84018 Scafati (Sa)