CHIUDONO I DUE CENTRI CAPSDA DI S.EGIDIO MONTE ALBINO E CORBARA

Dopo il primo anno finaziato dalla Regione, i due comuni, avrebbero dovuto garantire la continuità del progetto, ma dai palazzi comunali nessuna risposta
letto 4290 volte

Chiudono i centri Capsda a S.Egidio Monte Albino e a Corbara. L?accordo con la Regione Campania che ha impiantato i centri di accesso pubblico ad internet ed ai servizi gratuiti ai cittadini prevedeva l?attività e la presenza di un tutor a carico dell?ente regionale per un anno. Alla scadenza del primo anno le due amministrazioni avrebbero dovuto rinnovarlo a loro spese ma non lo hanno fatto, determinando difatti l?immediata chiusura di un servizio importante per i cittadini che ancora oggi non possono utilizzare la connettività internet nelle loro abitazioni. Il progetto infatti consentiva l?accesso gratuito ad internet e l?utilizzo di servizi telematici, come la stampa di un documento oltre a fornire tutto il materiale per portatori di handicap. I due comuni dimostrano cosi di non voler offrire servizi ai propri cittadini che si trovano in una situazione di svantaggio rispetto ad altri conterranei come nel caso di Angri e Pagani. Nella fascia pedemontana, infatti, nessuna delle società di telecomunicazioni ha inteso investire in reti di connessioni, creando un concreto squilibrio tra i cittadini, come nel caso del comune di S.Egidio in cui solo una parte del territorio è coperto dalla connessione, mentre Corbara è totalmente sprovvista. ?Spiace verificare che progetti importanti per il progresso della cittadinanza locale realizzati dall?ente regionale siano poi disattesi dalle amministrazioni che hanno ricevuto il finanziamento e l?installazione di questi due centri,dichiara Agostino Ingenito-progettista e tutor dei due centri-  ?Ricordo di aver partecipato in entrambi i progetti e fornito gli strumenti per intraprendere il percorso che ha consentito ai due comuni di rientrare fra i 70 in Campania, un finanziamento di migliaia di euro ? che ha previsto non solo l?installazione di strumenti informatici di ultima generazione ma la possibilità concreta per molti cittadini di ridurre il cosiddetto digital divide?.  I due enti avevano grazie ai centri capsda, rivitalizzato anche le loro due vecchie biblioteche- ?Ho anche provveduto a far richiedere e a compilare la richiesta di contributi per la dotazione libraria alle due biblioteche civiche riuscendo a farle rientrare in graduatoria regionale, naturalmente a costo zero non avendo richiesto un euro per la mia consulenza. Ora però con il mancato rinnovo ? le due amministrazioni comunali dimostrano la loro difficoltà a recepire le istanze dei cittadini preferendo investire i fondi comunali in altri capitoli di spesa in alcuni casi assai opinabili, l?auspicio è che i due comuni prevedano invece la continuità del progetto.?