A SCAFATI ARRIVA IL MINISTRO DELLA CULTURA PER SOSTENERE CRISTOFORO SALVATI

letto 138 volte
salvati-sangiuliano.jpg

A Scafati arriva il Ministro della Cultura per sostenere Cristoforo Salvati nella sua candidatura a sindaco. Gennaro Sangiuliano sarà venerdì 12 in piazza Vittorio Veneto alle ore 16:30 per la chiusura della campagna elettorale del candidato della coalizione Salvati Sindaco. 

E’ il momento delle scelte - afferma Cristoforo Salvati - Dopo 4 anni passati a lavorare per il rilancio della città, ora sappiamo benissimo cosa fare. La possibilità di avere un filo diretto con gli interlocutori di Governo di Forza Italia porterà solo dei benefici alla nostra città. La presenza del Ministro Gennaro Sangiuliano è la dimostrazione che Fratelli d’Italia tiene molto a Scafati, dove già sono stati in visita il viceministro Edmondo Cirielli e il senatore Antonio Iannone, oltre a tutti i dirigenti regionali e provinciali del partito”.

Un appuntamento che vedrà gli scafatesi protagonisti. “Con il Ministro Sangiuliano ci siamo confrontati oltre un mese fa a Paestum. Gli ho chiesto un intervento per il Real Polverificio Borbonico che pur essendo stato inserito nel Parco Archeologico di Pompei non deve perdere la sua connotazione scafatese. Vogliamo rilanciare il turismo religioso grazie a straordinarie opere che abbiamo in città e che possiamo facilmente collegare attraverso i tour operator, con un piano di promozione alla straordinaria mole di turisti che muove Pompei. Nel nostro programma abbiamo inserito il rilancio della Fonte Miracolosa di Bagni e del presepe di piazza Vittorio Veneto. Grande attrattiva turistica per noi deve diventare il presepe vivente di località Bagni. Inoltre, gli scavi di Villa Popidio vanno valorizzati e per questo coinvolgeremo i nostri studenti, assegnando anche una borsa di studio”.

Rilancio della cultura e del turismo cittadino che fa parte del programma di Cristoforo Salvati che avrà un forte interlocutore nel Ministro Gennaro Sangiuliano.

Ho ereditato la macerie in tutti i campi 4 anni fa - spiega il candidato sindaco - Potevo arrendermi, un esperto consigliere dopo poche settimane mi disse di consegnare tutto in Procura e lasciare. Non l’ho fatto. Ho portato avanti il sogno della rinascita di Scafati. Ho lavorato duro per 4 anni, mentre gli altri erano all’esterno dei bar a sollazzarsi e dare lezioni di politica io ero nella mia stanza a cercare la rinascita di Scafati. Solo così sono arrivati i 26 milioni di euro in cassa dopo che avevamo debiti per 33 milioni, le 57 assunzioni per ripopolare gli uffici comunali senza dipendenti, i 30 milioni intercettati per le opere pubbliche e la ripartenza del Polo Scolastico. Risultati che non si ottenevano con le chiacchiere. Posso guardarmi allo specchio ed essere soddisfatto. Mi rammarico solo di aver comunicato poco con la città perché impegnato a lavorare, mentre gli altri avvelenano i pozzi. Scafati ha bisogno di bellezza, non di centri commerciali che deturpano l’ambiente e distruggono i piccoli commercianti. Con un centro commerciale ci ritroveremo una città fantasma, dormitorio, con le insegne spente dei negozi e il centro vuoto. Ogni cittadino ha un grande senso di responsabilità verso se stesso, la sua famiglia e la sua città. Salvaguardiamo Scafati”.

Appuntamento, quindi, alle 16:30 di venerdì in piazza Vittorio Veneto con Cristoforo Salvati e il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano. 

A seguire lo show di Lino D’Angiò, comico di altissimo profilo esperto in imitazioni, anche in quelli di personaggi politici. Uno dei volti più noti della televisione, non solo per le sue presenze da inviato a Striscia la Notizie e Quelli che il Calcio, ma anche per aver creato il programma cult Telegaribaldi.