LA SCAFATESE BATTE IL VALDIANO 3-1 E TORNA ALLA VITTORIA

letto 77 volte
8-scafatese-calcio-1922.jpg

Due baci che valgono tre punti: sono quelli dati alla maglia gialloblu nelle esultanze dopo i gol da Pasqualino Scognamiglio e dal capitano Guido Avino che permettono alla Scafatese, grazie anche alla terza marcatura firmata Farriciello, non solo di ritrovare la vittoria ma anche di sfatare il tabù Valdiano, che aveva battuto i gialloblu in quattro degli ultimi cinque incontri, constringendoli a una retrocessione ai play out e a un’eliminazione in Coppa Italia.

Primo tempo dai ritmi alti e godibili sul prato in sintetico del Vigilante Varone in cui a sfiorare il vantaggio sono per primi i canarini con un colpo di testa di Farriciello deviato in angolo da Faggiano. Il Valdiano risponde prima con un tiro deviato in corner di Coquin e poi, sugli sviluppi del tiro dalla bandierina, con il sinistro volante di Esposito che non colpisce lo specchio. Proteste gialloblu al minuto numero 24 quando Farriciello viene abbattuto in area di rigore, ma la Scafatese trova comunque il gol del vantaggio due minuti dopo: ottima combinazione tra Farriciello e Scognamiglio e il numero 10 si trova nelle condizioni di realizzare il suo terzo gol stagionale. L’1-0, però, vale soltanto 4 minuti, prima che l’ex Coquin trova l’incocciata vincente e poi non esulta ricordando i suoi trascorsi gialloblu nella magica annata 2006/07.  È un momento in cui la partita potrebbe svoltare e, come nella scorsa partita casalinga giocata con la Virtus Avellino, ci pensa il capitano Avino a mettere in rete il pallone del nuovo vantaggio canarino al minuto 42: dopo l’azione solitaria di Scognamiglio che spezza in due la retroguardia rossoblu, il numero 8 prima supera il suo diretto avversario e poi, con un destro chirurgico, gonfia la rete e corre esultando baciando la maglia.

Nella ripresa si riaprono le danze con gli stessi ritmi della prima frazione: il Valdiano si rende pericoloso con l’incrocio di destro del solito Coquin che chiama agli straordinari Belviso, ma la palla gol più ghiotta capita al 55’ sui piedi di Farriciello che, scattato benissimo in posizione regolare, si fa ipnotizzare da Faggiano. Poco male perché il numero 9 riuscirà a rifarsi tre minuti più tardi, correggendo in rete un cross di un funambolico Vincenzo Manzo, siglando la prima rete in campionato dopo il solo gol messo a segno in Coppa proprio contro il Valdiano.

Le squadre si allungano e gli ospiti provano il tutto e per tutto per rimettersi in piedi, ma sbattono ripetutamente contro un’organizzatissima retroguardia canarina, sorretta da un monumentale Criscuolo e da un Sannino in stato di grazia. Coquin mette i brividi al pubblico gialloblu soltanto al minuto 82, quando il suo destro ravvicinato termina alto, ma la Scafatese non lascia più spazi e corre a prendersi la seconda vittoria stagionale mandando in soffitta i fantasmi di Battipaglia. La prossima settimana, sul campo dell’Eclanese, i gialloblu proveranno a raggiungere la prima vittoria esterna della stagione. 

SCAFATESE: Belviso, Sannino 00, Cariello 01, Vitiello (74’ Biondi), Criscuolo, Amendola Claudio, Esposito 00 (88’ Cucca 00), Avino, Farriciello, Scognamiglio, Manzo.

A disposizione: Menzione 2000, Russo 00, Petrosino 01, Gargiulo 99, Cucca 00, Simeri, Biondi, Esposito Giuseppe, Cicalese 00. 

VALDIANO: Faggiano, Prisciantelli 00 (64’ Diallo 00), Casella 99 (59’ Peccheneda), Schettino, Esposito, Coquin, Isoldi (76’ Ametrano 00), Doukoure, Carfagno (74’ Antoni), Coiro (45’ Cestaro 02).

A disposizione:  Tortora 99, Trezza, Ametrano 00, Diallo 00, Gibba 00, Torre 99, Cestaro 02, Antoni, Peccheneda.

All: Nastri. 

RETI:  29’ Scognamiglio, 33’ Coquin, 42’ Avino, 58’ Farriciello

Arbitro: Guarnieri di Battipaglia

Assistenti: Avena di Guarnieri e Pellecchia di Avellino

Note: Ammoniti: Prisciantelli, Schettino, Esposito, Belviso. Calci d’angolo: 3-6

Intanto la società Scafatese Calcio 1922 comunica di aver tesserato il calciatore Biagio Biondi, centrocampista classe 1991 con lunghi trascorsi in Serie D con le maglie di Casertana, Real Hyria, Vico Equense e Puteolana