NAPOLI-EINTRACHT FRANCOFORTE 3-0, IL NAPOLI NELLA STORIA, MAI RAGGIUNTI I QUARTI DI CHAMPIONS, E LO FA IN MODO TRAVOLGENTE CON DUE RETI DI OSIMMHENSO E UNA DI ZIELINSKi

BEN MARCATO KVARADONA MA SEMPRE PERICOLOSO CON I SUOI DRIBBLING
letto 337 volte
1-napoli4.jpg

Il Napoli nella storia, ai quarti Champions per la prima volta. Adesso vediamo chi ci toccherà al sorteggio, potrebbe capitarci anche il Milan o l'Inter. Batte 3-0 l'Entracht con merito, sia all'andata che al ritorno. Solo la prima mezzora le due squadre si sono equilibrate, poi solo Napoli. Meret inoperoso per tutto il primo tempo e gran parte del secondo. Migliori in campo Zielinski, Lobotka, Kim kong, Osimmhenso. Peccato che la sfida sia stata caratterizzata, nel pomeriggio, da spiacevoli scontri, e soprattutto danni a vetrine e auto,  a causa dei tanti tifosi tedeschi arrivati in Italia senza biglietto, con la Polizia nel centro di Napoli. Episodi che nulla, ovviamente, hanno a che fare con il calcio. 

PRE PARTITA

La sfida champions sembrerebbe essere a senso unico, ma, è vero che all'andata abbiamo vinto 2-0, ma mai sottovalutare questi tedeschi, bisogna vincere anche stasera.

Intanto per le strade di Napoli i tifosi tedeschi venuti al seguito della loro squadra, nonostante il divieto, stanno seminando paura e danni ai negozi e auto in sosta, malgrado la presenza di una cinquantina di agenti.

Ma veniamo allo sport giocato. Spalletti rischia di dover rinunciare a tre titolari per la sfida di Champions League. Si tratta di Meret, Kim e Lozano. Ma a questa squadra non mancano le alternative. Gollini ha già preso confidenza tra i pali nell'ultimo match di campionato, in difesa Juan Jesus è l'usato garantito mentre in attacco ci sarà spazio per Politano. Per il resto sarà la formazione tipo con Mario Rui in campo ben riposato dopo la doppia giornata di squalifica. Ecco come dovrebbe presentarsi in campo il Napoli:

NAPOLI (4-3-3): Gollini; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Anguissa, Lobotka, Zielinski; Politano, Osimhen, Kvaradona.

In casa Enitracht, il tecnico Glasner non snaturerà il sul 3-4-2-1 con Gotze e Lindstrom a supporto di Borré (che prima di passare all'Eintracht è stato accostato alla Serie A). In porta l'esperienza di Trapp, con la cerniera di centrocampo composta da Kamada e Sow. All'andata disse che avevano studiato il Napoli per 3 mesi e sapevano come fermarlo. Beccarono due palloni. che potevano essere di più. Adesso ha detto che sa come fermare gli attaccanti napoletani e che vengono per vincere. Ecco la probabile formazione tedesca:

EINTRACHT: (3-4-2-1): Trapp; Tuta, Jakic, N'Dicka; Buta, Kamada, Sow, Max; Lindstrom, Gotze; Borré.

Dirige il match l'inglese Taylor, coadiuvato dai connazionali Beswick e Betts. Quarto uomo Jones. Il Sala VAR gli olandesi Van Boekel e Manschot.

Questo Napoli è in grande spolvero anche in questa seconda parte di stagione (contrariamente ai gufi che prevedevano il crollo degli azzurri) e nulla lascia pensare ad un passo falso in casa Napoli. Si parte dal vantaggio di due gol e questo potrebbe costringere i tedeschi a lasciare ampi spazi per le ripartenze dei padroni di casa. Speriamo in una vittoria per 2-0 per il Napoli anche nel match di ritorno.

CRONACA DEL PRIMO TEMPO

-Al 2′ parte subito forte il Napoli con Politano, che ci prova da fuori ma Trapp è attento e respinge.

Napoli partito subito con grande aggressività, alla ricerca di un gol che metterebbe ancora più al sicuro la qualificazione.

-All’11 Kvaradona prova ad accendersi, ma la sua conclusione termina larghissima, addirittura in fallo laterale.

-Al 19′ Kvaradona va in slalom come è suo solito fare, si accentra e calcia, ma Trapp devia la conclusione in calcio d’angolo.

-Al 43′ il Napoli va vicinissimo al gol: invenzione di Zielinski a liberare Kvaradona, che si presenta a tu per tu con Trapp e si fa ipnotizzare, con il portiere dell’Eintracht che riesce a respingere in calcio d’angolo.

-Al 47′, nel recupero, il Napoli passa in vantaggio: cross perfetto di Politano, che aveva ricevuto palla da Kvaradona, per Osimhen, che prende il tempo e di testa stacca benissimo mettendo il pallone sul secondo palo, dove Trapp non può arrivare. NAPOLI-EINTRACHT 1-0.

Su questa azione finisce così un primo tempo dove il Napoli ha premuto sull’acceleratore ed è riuscito a trovare un gol fondamentale in chiave qualificazione.

CRONACA DEL SECONDO TEMPO

-Al 52′ va vicino al raddoppio con Kim Kong, che recupera palla in zona d’attacco, entra in area e calcia, ma il suo tiro è impreciso.

-Al 53′ Di Lorenzo va via sulla destra, mette un ottimo pallone in mezzo e trova Osimmhenso, che da lì deve solo mettere in rete e fare 2-0. NAPOLI-EINTRACHT 2-0

Al 58′ bella azione dell’Eintracht, palla che finisce in area a Kamada, che da due passi calcia in maniera debole e Meret blocca.

Al 61′ ancora Kvaradona incontenibile, si accentra e calcia a giro sul secondo palo, ma Trapp respinge bene la conclusione.

Al 62′ calcio di rigore per il Napoli: Zielinski riceve un passaggio in area di rigore e viene steso nettamente da Sow. Sul dischetto al 64′ va lo stesso calciatore polacco, che spiazza Trapp e fa 3-0. NAPOLI-EINTRACH 3-0

Dominio azzurro. Da lì il Napoli comincia a gestire con pochissimi rischi fino al 94′, quando l’arbitro fischia la fine: la squadra di Spalletti accede ai quarti di finale ed è la terza italiana dopo Inter e Milan.

Il sogno dell'Eintracht e del suo allenatore di ribaltare lo 0-2 dell'andata, si infrange sul colpo di testa di Osimmhenso che chiude il discorso con una doppietta. Il nigeriano sblocca la gara con una frustata di testa su assist di Politano, poi raddoppia a porta vuota sul servizio perfetto di Di Lorenzo. Il tris viene calato da Zielinski su calcio di rigore, concesso dall'arbitro Taylor per un fallo sullo stesso centrocampista polacco. Il finale di gara non offre più nulla se non lo spettacolo dei tifosi napoletani sugli spalti per l'ennesima serata magica di questa stagione.

Il Napoli arriva quindi ai quarti di Champions per la prima volta nella propria storia e si presenta al sorteggio, in programma venerdì 17, come una delle squadre che tutti vorrebbero evitare. Gli uomini di Spalletti fanno paura e hanno dimostrato sinora di avere tutte le carte in regola per arrivare fino in fondo.

 

TABELLINO DI NAPOLI-EINTRACHT 3-0

NAPOLI (4-3-3): Meret 6; Di Lorenzo 7, Kim 7 (21′ st Juan Jesus 6), Rrahmani 7, Mario Rui 7; Anguissa 6, Lobotka 7, Zielinski 75 (29′ Ndombelé 6); Politano 7 (22′ st Lozano 6), Osimhen 8 (36′ st Simeone sv), Kvaradona 7.5 (29′ Elmas 6).

IN PANCHINA: Idasiak, Gollini, Olivera, Bereszynski, Ostigard, Gaetano, Simeone.

ALLENATORE: Spalletti 7

EINTRACHT (3-4-2-1): Trapp 6.5; Tuta 6, Buta 6, Ndicka 5.5; Knauff 5.5 (16′ st Alidou 6), Rode 6, Sow 5.5, Lenz 5.5 (22′ st Max 6); Gotze 5.5, Kamada 6; Borré 6.

IN PANCHINA: Ramaj, Smolcic, Touré, Hasebe, Jakic, Chandler, Alario, Horz.

ALLENATORE: Glasner 5

ARBITRO: Taylor di Manchester 6.5

RETE: 47′ pt e 8′ st Osimmhenso, 19′ st Zielinski

NOTE: serata serena, terreno di gioco in buone condizioni, 51.000 spettatori circa. Ammoniti: Juan Jesus, Ndicka, Lenz, Gotze. Angoli: 4-3. Recupero: 2′, 2′.