STORIE DI MEZZO, LA STORIA DI VIOLANTE CARDONA D'ALIFE, MEGLIO NOTA COME LA DUCHESSA DI PALIANO

letto 173 volte
violante-cardona-dalife-o-duchessa-di-paliano.jpg

Violante Cardona d’Alife, meglio nota come la Duchessa di Paliano, era una donna di fascino straordinario, bellissima e colta. Conosceva a memoria l’Orlando Furioso e la maggior parte dei sonetti del Petrarca che recitava per intrattenere i numerosi ospiti del suo palazzo romano. Nata in una famiglia d’origine spagnola appartenente all’alta nobiltà napoletana aveva spostato don Giovanni Carafa, nipote di Gian Piero, uomo risoluto, cinico e spietato che nel conclave del 1555 era riuscito a farsi eleggere Papa col nome di Paolo IV dal partito degli integralisti, segnando così la sconfitta di quello dei moderati rappresentati dai Cardinali Pole e Morone.

Alla notizia di quell’elezione una frotta di parenti del nuovo pontefice si precipitò a Roma da Napoli per godere i frutti di quell’insperato colpo di fortuna. Tutti furono generosamente sistemati, a partire dai nipoti: don Giovanni, primogenito e già marito di Violante, fu nominato Duca di Paliano e generale delle truppe pontificie; don Carlo, il secondogenito, fu creato cardinale e primo ministro dello Stato della Chiesa; Antonio infine, il più giovane, fu fatto Marchese di Montebello e capitano delle guardie di palazzo, con facoltà di selezionare chi potesse o meno ricevere udienza dal Santo Padre.

Con lo zio già anziano ed impegnato a portare avanti la sua personale crociata contro gli eretici e contro gli interessi della Spagna in Italia ed Europa, i nipoti ebbero presto carta bianca nella gestione degli affari temporali della Chiesa ed iniziarono a macchiarsi dei peggiori abusi e crimini. I beni delle famiglie avversarie furono espropriati con le scuse più disparate, intanto che le mogli e le figlie più avvenenti di quanti cadevano in disgrazia venivano rapite per soddisfare le voglie dei prepotenti di turno. Lasciata spesso sola ed offesa delle ripetute infedeltà coniugali di cui il marito si faceva vanto con gli ospiti anche in sua presenza, Donna Violante cercò così conforto fra le braccia del giovane Marcello Capece, gentiluomo appartenente alla cerchia dei “clientes” del Duca di Paliano, fino a quando, per il tradimento d’una dama di compagnia, quest’ultimo fu informato di quella tresca amorosa.

Dopo essere stato arrestato ed aver confessato sotto tortura, il Capece in una notte di luglio del 1559 fu pugnalato a morte dal marito tradito, ma la scia di sangue non si fermò qui perché pochi giorni più tardi al cospetto della povera Duchessa di Paliano, rinchiusa nel castello di famiglia di Gallese, si presentò il fratello Ferrante (Conte d’Alife) accompagnato dallo zio Leonardo per leggerle la confessione resa dall’amante poco prima di morire. Sebbene fosse incinta di sei mesi, dopo averla costretta a sedersi don Ferrante le passò attorno al collo una corda di seta, che poi strinse da dietro con l’aiuto di due manopole fino a soffocarla, intanto che due frati recitavano i Salmi penitenziali.

Dietro a quel duplice omicidio si celava ovviamente la mano del Duca di Paliano e di suo fratello, il Cardinale Carlo, entrambi desiderosi di ripulire rapidamente col sangue il disonore che aveva imbrattato il nome della loro famiglia, specialmente allorché un nuovo conclave, con lo zio Papa gravemente ammalato, pareva destinato ad aprirsi di lì a poco. Con l’arrivo sul soglio pontificio nel dicembre del 1559 di Papa Pio IV però, il vento iniziò a spirare velocemente in senso contrario agli interessi del clan dei Carafa. Fomentato dal partito filo-spagnolo che ne aveva pilotato l’elezione, il nuovo Pontefice ordinò infatti l’arresto dei nipoti di Paolo IV e dei loro complici, imputando loro le disastrose scelte imposte allo zio, come pure i numerosi e gravissimi furti, violenze ed assassinii da loro commessi nella più totale impunità. Così uno dei più clamorosi processi del XVI secolo, seguito con grande attenzione dall’opinione pubblica del tempo, si concluse nella serata del 3 marzo del 1561 quando, dopo un concistoro durato otto ore, Pio IV lesse la condanna a morte in questi termini: “Prout in Schedula” (“Si proceda come da scheda”, cioè come era stabilito nella sentenza).

Alle cinque di mattina del giorno seguente, il bargello dello Stato Pontificio ordinò che nel carcere di Tor di Nona fossero mozzate le teste di Giovanni Carafa, Duca di Paliano, del Conte d’Alife e dello zio di quest’ultimo, don Leonardo. Il Card. Carlo invece fu raggiunto dal carnefice nella sua cella in Castel Sant’Angelo, la cui porta non era stata chiusa a chiave in ossequio alla sua dignità cardinalizia. Gli fu lasciato giusto il tempo di confessarsi e recitare i Salmi e poi gli fu chiesto d’inginocchiarsi: come alla cognata prima di lui, il boia gli passò un laccio di seta attorno al collo per strangolarlo, ma in questo caso il supplizio durò più a lungo perché, dopo la rottura del primo a metà dell’opera, fu necessario ricorrere ad un secondo cordone per avere ragione di quell’uomo tanto corpulento. Premessa: Non sono una storica, ne una studiosa di mitologia, ma una semplice appassionata in materia. Le correzioni da parte di esperti nel settore sono sempre ben accolte. Grazie.